Sei in Archivio

Parma

Ragazzo filippino scomparso, il caso a "Chi l'ha visto?"

12 settembre 2012, 11:38

Ragazzo filippino scomparso, il caso a

 Anche «Chi l'ha visto?» si occuperà stasera su Raitre  del caso di Edmar Roque Mercado, il filippino diciannovenne che abita a Parma e che è scomparso  dalla sua casa di via Leoni (zona via Emilia Est) giovedì 6 settembre sulla sua mountain bike. La trasmissione condotta da Federica Sciarelli ha anche già inserito la foto e la scheda di Edmar  nella bacheca internet del programma, nella speranza che qualcuno possa riconoscere il giovane filippino.

Il padre Edgar ha lanciato nei giorni scorsi un appello accorato dalle pagine della Gazzetta: Edmar, che frequenta l'Ipsia,  è  sordomuto dalla nascita, un giovanotto nell'aspetto, ma  affetto da un lieve ritardo mentale. Quando si è allontanato da casa - eludendo la sorveglianza dello zio che si era appisolato - ha portato con sè solo trenta euro e la tessera sanitaria. Il passaporto e gli altri documenti sono rimasti nella casa di via Leoni, e il ragazzo non ha  cellulare, nè bancomat o carte di credito. 
Non è la prima volta che Edmar si allontana da casa. Il padre spiega che al ragazzo piace moltissimo girare in bicicletta e    l'anno scorso   prese un treno per Milano, caricando sul convoglio   la mountain bike. Tornò  a casa  alle tre di notte. Nei giorni scorsi l'uomo, operaio, ha scoperto anche, da appunti lasciati dal figlio, altri viaggi «clandestini» in città vicine, sempre in bici. 
Quello che preoccupa il padre   è  il  progetto  che   Edmar covava da tempo e di cui parlava: raggiungere la Cina  pedalando.   «Ho paura che gli possa succedere qualcosa mentre va in bicicletta. E' sordo, non sente il rumore delle macchine che arrivano da dietro», dice l'uomo. 
 Edmar è alto un metro e settanta, corporatura normale, capelli neri e corti. I baffi appena pronunciati, è stato operato al labbro superiore, dove è rimasta una piccola cicatrice. 
 E' scomparso su  una mountain-bike rossa e nera, che   ha personalizzato con le scritte in cinese sotto la sella. Ha preso anche uno zainetto rosso di tela.  
Oggi    rientra dalle Filippine la mamma, che i famigliari fino all'ultimo hanno cercato di tenere all'oscuro della scomparsa del figlio, nella speranza che, come già successo in passato,  il ragazzo  tornasse   a casa di sua volontà.