Sei in Archivio

Quartieri-Frazioni

Adesso gli Angeli non sorridono più. Mancano i volontari: addio al gruppo

16 febbraio 2013, 23:44

Chiara De Carli
Dopo quasi sei anni di presenza al fianco dei più deboli, gli «Angeli del sorriso» hanno deciso di sciogliere la loro associazione.
Mancano i volontari
All’origine della sofferta decisione non sono stati problemi di budget ma la mancanza di volontari disposti ad investire il loro tempo nell’organizzazione delle varie attività.  Nati a Corcagnano nel giugno 2007 dall’idea un gruppo di persone con esperienze di volontariato alle spalle, gli Angeli del sorriso hanno da subito messo in campo tante iniziative volte all’aiuto delle persone più bisognose.
Impegno a 360°
Raccolte fondi, eventi ludici, gite: un impegno a 360° per permettere anche a chi si trovava in difficoltà di avere momenti di svago o di ricevere un aiuto concreto.  Grazie al lavoro degli Angeli, tanti ragazzi diversamente abili della provincia hanno potuto godere di fantastiche giornate di divertimento: a Boretto in occasione dello spettacolo di Fuochi d’artificio, al Parco Mini Italia di Bergamo, al Parco Cowboyland di Voghera, all’Acquario di Cattolica e al Parco Movieland Studios di Lazise oltre alle tante feste di carnevale, di capodanno e di Halloween organizzate negli anni.
Donazioni agli indigenti
Anche chi versa in stato di indigenza non è stato lasciato indietro con periodiche donazioni di generi alimentari alle case di accoglienza di via Padre Onorio, via Santa Chiara e strada Farnese.
Spettacoli di beneficenza
Gli Angeli del sorriso non hanno dimenticato neppure le altre associazioni del territorio e, con fantasia, creatività e il supporto di tanti amici, hanno realizzato spettacoli di grande successo per devolvere piccole e grandi somme in beneficenza: dallo «show» dei  burattini dei Ferrari, il cui ricavato è stato donato all’Unione parkinsoniani di Parma, alla Festa di giugno a Corcagnano, che ha permesso di sostenere la Fondazione Casa dell’Albero di Modena, dalla Festa della birra a Collecchio, con il cui ricavato sono state regalate le carrozzine alla Casa di riposo di Collecchio, alla «Notte degli Angeli» del Be Bop Felino, che ha fatto trovare in cassa fondi sufficienti all’acquisto di un sollevatore per il Centro traumi Casa Azzurra.
Ma per organizzare questi piccoli e grandi eventi servono tempo e tanto impegno e, oggi, gli «Angeli» sono troppo pochi per proseguire il lavoro. «Con grande rammarico abbiamo deciso di sciogliere l’associazione e di continuare la nostra attività come singoli, aiutando i gruppi e le associazioni con cui abbiamo collaborato in questi anni» spiegano gli Angeli del sorriso.
Sabato una grande festa
«La nostra attività terminerà ufficialmente domani con una grande festa organizzata dagli amici dell’associazione Nontiscordardimè a San Polo di Torrile, nella sala polivalente di piazza Pertini. Dalle 15 ci ritroveremo ancora una volta in un contesto festoso con musica, balli latini e merenda e approfitteremo dell’occasione per donare tutto quanto rimasto in cassa a Unitalsi, Nontiscordardimè, Fondazione Casa dell’Albero di Modena e a Giancarlo Alampi, affetto da sclerosi multipla, per sostenere parte della spesa per l’assistenza notturna».
«Una bella occasione - commentano ancora gli “Angeli” - per chiudere in bellezza questi meravigliosi anni che ci hanno visti abbracciare i nostri “amici” più deboli e a cui speriamo partecipino tutte le persone che abbiamo conosciuto durante il nostro cammino».