Sei in Archivio

Provincia-Emilia

"La droga? Il primo spinello spesso è a scuola"

04 marzo 2013, 16:40

Paola Tanzi

 Il coinvolgimento dei giovani nel mondo della tossicodipendenza comincia sempre più precocemente.

«Il primo incontro tra i ragazzi e  sostanze stupefacenti, alcol e fumo, avviene tra i banchi di scuola, nel gruppo di amici, nei luoghi di aggregazione». La notizia, preoccupante, giunge dalle ultime ricerche degli osservatori nazionali ed è confermata a livello locale dagli esperti del Ser.T., il servizio predisposto dall'Azienda Usl per le tossicodipendenze, che aggiunge: «l’alcol viene consumato mediamente per la prima volta a 12,7 anni, il tabacco a 13,1 e le sostanze illegali a 14,1». Nell’inconsapevolezza dei genitori che vedono aggirarsi per casa figli sempre più chiusi in se stessi e che vedono nell’età, nell’adolescenza, la causa dei turbamenti.

Ragazzi e ragazze  nascondono stupefacenti nei muri e nei giardini adiacenti le scuole, in bottigliette di profumo o bagnoschiuma per neutralizzare i cani addestrati alla ricerca. Furbizie e malizie che, incredibilmente, si affiancano alla conoscenza del rischio psico-fisico che l’utilizzo di stupefacenti, alcol e tabacco, spesso porte di accesso a mondi ben più pericolosi, arrecano.
Effettivamente una ricerca effettuata dal Ser.T. di Fidenza sulla percezione del rischio alcologico e gli interventi di prevenzione che tutti gli anni vengono effettuati nelle scuole dal «Tavolo Giovani – Dipendenze» hanno evidenziato che «i  giovani sono consapevoli dei rischi connessi all’abuso di sostanze ed alcol, anche se poi sui singoli comportamenti sicuramente influiscono i fattori di sperimentazione del rischio insiti nell’età adolescenziale» ha spiegato la dottoressa  Baratta............Articolo completo e altre notizie di Fidenza sulla Gazzetta di Parma in edicola