Sei in Archivio

Parma

Comune: dipendenti in stato di agitazione

04 marzo 2013, 18:34

Comune: dipendenti in stato di agitazione

Protestano, all’unanimità, i dipendenti del Comune di Parma a 5 Stelle, dopo la decisione dell’amministrazione del sindaco Federico Pizzarotti di azzerare, in attesa di riformulare il contratto decentrato, tutte le indennità del salario accessorio che, per i dipendenti comunali, è una parte sensibile dello stipendio.

I dipendenti hanno votato all’unanimità lo stato di agitazione, il blocco di tutti gli straordinari, un incontro con il Prefetto e anche una manifestazione pubblica per sensibilizzare la cittadinanza. I 400 dipendenti presenti all’assemblea di oggi hanno deciso anche di «intasare la posta elettronica del sindaco con e-mail di protesta».

«Il sindaco – afferma Pia Russo, della Cisl – non ha fatto le cose che aveva promesso. Ora, come deciso dall’assemblea, ci muoveremo per non cadere nel tranello delle sanzioni disciplinari, staremo attenti, e non molleremo. Per questo stiamo organizzando una grande manifestazione, fuori orario di servizio, per denunciare la situazione e per attaccare con forza l'Amministrazione che tace di fronte alle nostre richieste».

Problemi di bilancio? Sauro Salati, segretario Fp-Cgil, sottolinea la decisione di «ripetere quanto fatto per gli straordinari dei vigili urbani: l’Amministrazione aveva detto che non c'erano soldi ma i fondi erano improvvisamente usciti di fronte al Prefetto, quando stavamo per bloccare il servizio prima della partita Parma-Inter. Vorrà dire che lo rifaremo per un’altra partita, ce ne sono tante ancora».

  Guarda il servizio del Tg Parma