Sei in Archivio

Sport

Di Maio, una domenica da sogno

05 marzo 2013, 21:13

Di Maio, una domenica da sogno

Marco Bernardini
Il segreto, in fondo, è continuare a credere in se stessi e saper attendere in silenzio il proprio momento. Lo ha fatto Marco Di Maio, e con lui la dirigenza del Pallavicino, che dopo un girone d’andata da dimenticare tra espulsione all’esordio, tre giornate di squalifica l’amaro responso, e strappo muscolare (out un mese e mezzo) voleva, da tempo, regalarsi una domenica da sogno anche per ricambiare la fiducia immutata della società verdiana: doppietta al Salso nel derby, il secondo in rovesciata, e uomini di Ciceri sempre più saldi al quinto posto. E lo ha fatto, in un certo senso, pure il Colorno che, grazie al tris rifilato alla Sampolese  dimostra di essersi lasciato alle spalle il periodo più buio ma non riesce ancora ad allontanarsi, del tutto, dalla zona calda per via dei contemporanei successi di Folgore Bagno, brusco risveglio del Fiorenzuola impegnato in una dura rincorsa alla piazza d’onore, e Royale Fiore, inguaiato il Monticelli, trascinati dai rispettivi bomber Vado e Martinelli, entrambi presenti due volte nel tabellino dei marcatori. E non se la passa meglio nemmeno l’anemica Fidentina, bloccata sul pari a reti inviolate dalla Rubierese e raggiunta in classifica proprio dai gialloverdi di Guerreschi, mentre era, in parte, preventivabile, ma non per questo meritato e non determinato da episodi dubbi, il ko dei Crociati, il loro campionato resta comunque ottimo, sul difficile campo del Rolo.