Sei in Archivio

Parma

Controlli contro l'agropirateria in tutta Italia Parmigiano irregolare a Brescia e Pordenone

06 marzo 2013, 14:51

Novantuno aziende controllate, oltre 281mila chili di prodotti alimentari sequestrati, 33 persone denunciate e 1,5 milioni di euro di frodi sul sistema dei finanziamenti europei. E' questo il bilancio dell’attività di controllo straordinaria sulla tracciabilità e l’etichettatura dei prodotti alimentari avviata sul territorio nazionale dai Nac-Nucleo antifrodi carabinieri di Roma, Parma e Salerno, nel quadro delle verifiche disposte dal ministero delle Politiche agricole. I carabinieri hanno collaborato con l’Agenzia delle Dogane e in particolare con i laboratori di analisi dell’Ispettorato Centrale Controllo Qualità e  Repressione Frodi del Ministero. 

Specifiche attività di controllo sono state dedicate alla certificazione dei marchi Dop e Igp. I carabinieri del Nac di Parma hanno scoperto marchi Dop/Igp non autorizzati: sono state contestate sanzioni amministrative per oltre 70mila euro in provincia di Brescia e di Pordenone, dove i militari hanno scoperto la commercializzazione di prodotti non autorizzati dai Consorzi di Tutela Gorgonzola, Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Mozzarella di Bufala Campana, Pecorino Sardo, Olio del Garda e Aceto Balsamico di Modena.

In provincia di Roma sono stati sequestrati 272 litri d’olio commercializzato come extravergine di qualità ma privo di documentazione sulla tracciabilità. In un noto circuito di vendita romano sono state individuate tisane scadute con la data di scandenza nascosta. In provincia di Foggia sono stati bloccati 300mila litri di vino adulterato con acqua ed etanolo.

Un piano straordinario di controlli è stato inoltre effettuato nell’area commerciale del Duty Free dell’Aeroporto di Napoli-Capodichino, dove sono stati sequestrati falsi pomodori "San Marzano", prosciutti tedeschi con etichette che evocavano l’Italia, falsi liquori con il marchio Igp "Limoni di Sorrento". Attenzione anche alle vendite online: i Nac hanno individuato e segnalato 5 tipologie di vino commerializzate negli Usa con false evocazioni di Chianti, Barolo, Brunello, Verdicchio e Montepulciano.

Le indagini dei Nac hanno infine consentito di individuare truffe per 1,5 milioni di euro, di cui oltre 780mila euro di illeciti finanziamenti dell’Unione Europea, ottenuti con fatturazioni di operazioni inesistenti e/o la fittizia intestazione di terreni agricoli.