Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Quarantacinque storie sulla Bassa

06 marzo 2013, 21:37

Beppe Facchini

Una paesino della Pianura Padana che ha nel Po, il fiume per eccellenza secondo Giovannino Guareschi, uno dei suoi principali protagonisti. È perfetta la metafora delle pietre lungo il corso d’acqua che abbraccia Zibello utilizzata dalla scrittrice Rosalba Scaglioni e dal sindaco Manuela Amadei, da pochi giorni nelle librerie con la raccolta «Come pietre lungo il Fiume». I quarantacinque autori d’eccezione sono i cittadini della piccola comunità, che ne ricordano storia e personaggi storici attraverso aneddoti e racconti di fantasia. «È importante non perdere la memoria ed il valore educativo del paese in cui si vive» ha spiegato durante la presentazione in Provincia l’assessore alle Pari opportunità Marcella Saccani, inserendo l’iniziativa tra gli appuntamenti dell’edizione 2013 della rassegna «Le donne di marzo». «Alla realizzazione del libro - ha spiegato il sindaco Amadei - hanno contribuito i bambini delle scuole materne, gli anziani del paese e chi con Zibello ha intrecciato la sua vita». Il riferimento è ad Alberto e Carlotta Guareschi, figli di Giovannino che in una sezione della raccolta («Il nostro Mondo Piccolo») descrivono il paesino della Bassa Parmense grazie al ricordo dei giorni trascorsi col padre nel 1952, mentre stava lavorando ad un episodio del celebre «Don Camillo». Ma «Come pietre lungo il Fiume» è soprattutto un’opera di testimonianza che ricorda i lavori antichi del paese, le sue leggende e i suoi colori visti con gli occhi di una comunità famosa nel mondo per le specialità gastronomiche ma in grado di offrire tanto altro. Così nel libro si può trovare il racconto di chi ripercorre i suoi trascorsi da vigile urbano, le storiche amicizie, le bravate giovanili, i primi articoli sulla Gazzetta di Parma e i primi giorni di lavoro in Comune, come ha fatto nelle pagine iniziali la stessa Manuela Amadei. «Un racconto molto simpatico - ha inoltre ricordato Scaglioni - prova ad immaginare Zibello all’età della pietra, ma ci sono anche cronache di ritrovamenti archeologici realmente avvenuti». Il libro, seconda opera nata dalla collaborazione tra la scrittrice ed il sindaco zibellino sarà regalato alle donne del paese domenica, per la Festa della Donna organizzata in Piazza Guareschi.