Sei in Archivio

Parma

E' metà fidentino il record di staffetta

07 marzo 2013, 23:30

E' metà fidentino il record di staffetta

Gianluigi Negri
Il record italiano di staffetta 4x200, così come il titolo tricolore conquistato nello stesso giorno ai campionati nazionali Allievi svoltisi ad Ancona, è per metà fidentino.
Portando i colori del Cus Parma, sulla pista marchigiana hanno trionfato infatti Sara Dall’Aglio e Ayomide Folorunso. Insieme ad Alice Branchi e Sara Ziliani, hanno non solo conquistato l’ambita medaglia d’oro ma anche frantumato il record italiano della staffetta 4x200, che ora, grazie alla prova dell’intera squadra, è sceso a 1’43’’86 contro il precedente di 1’43’’99.
La loro impressionante gara ha fatto la gioia del Cus Parma, ma a Fidenza le hanno festeggiate anche l’allenatore, gli amici e i familiari.
Le due campionesse italiane, la Dall’Aglio e la Folorunso, sono entrambe sedicenni, nate nel 1996.
La Folorunso, di origini nigeriane, vive nel Borgo dall’età di 8 anni e presto dovrebbe ottenere la cittadinanza italiana. Frequenta la 3ªB al liceo scientifico  (opzione scienze applicate)  dell'istituto Berenini, mentre la Dall’Aglio è iscritta al terzo anno dell’Istituto di agraria Solari. Hanno iniziato insieme a fare atletica, con il doposcuola, alla fine del 2009. Il loro allenatore è sempre stato Maurizio Pratizzoli: prima gareggiavano con i colori dell’Avis Atletica Fidenza, dal 2012 – passando dai Cadetti agli Allievi - sono con il Cus Parma.
Effettuano entrambe cinque allenamenti a settimana,   di quasi due ore a sessione: per la maggior parte dell’anno al Ballotta, d’inverno invece nella pista indoor di via Noveglia a Parma.  La Folorunso già lo scorso anno è diventata campionessa italiana nei 400 ostacoli, vincendo il titolo a Firenze, in settembre. La Dall’Aglio vanta invece un sesto posto ottenuto, come Cadetta, agli italiani di Jesolo nel 2011 nella 1.000 metri. Se arrivasse nei tempi dovuti la cittadinanza italiana, la Folorunso potrebbe anche indossare la maglia azzurra e gareggiare nei 400 ostacoli ai prossimi mondiali Allievi previsti a luglio.
«Dopo la mia deludente gara individuale del giorno prima – rievoca il record ed il titolo da poco vinto Ayomide – sono scesa in pista per la staffetta molto carica: volevo rifarmi e ci sono riuscita».
Le fa eco l’amica Sara: «Ero sicura che saremmo arrivate sul podio, ma non mi aspettavo il gradino più alto e soprattutto il record italiano».
Il tam tam di Facebook ha permesso agli amici di complimentarsi con loro per la storica impresa. Oltre agli allenamenti e alla scuola, le due campionesse, quando possono, si dedicano alle loro passioni. Ayomide è un’accanita lettrice: «Ho passato tante giornate in biblioteca: leggo di tutto, tranne le storie horror».
Sara invece canta: è la voce femminile del gruppo musicale salsese-fidentino Fading Shadows.