Sei in Archivio

Provincia-Emilia

No all'Unione, Lucchi va a caccia delle firme dei bercetesi più numerosi: i 3.500 di New York

08 marzo 2013, 12:54

No all'Unione, Lucchi va a caccia delle firme dei bercetesi più numerosi: i 3.500 di New York

BERCETO– Il sindaco di Berceto, Luigi Lucchi, è partito per New York, per il tradizionale incontro con gli emigrati d’origine, che sarà anche «occasione - ha fatto sapere – per ritirare le firme della petizione contro l'Unione dei Comuni. Del resto dopo i risultati schiaccianti del referendum abbiamo deliberato di restare soli».
I concittadini di New York «sono circa 3.500 – sottolinea il sindaco – quindi ho più concittadini negli Stati Uniti che qui nel Comune di Berceto».
Lucchi, paladino della lotta contro l’Unione dei Comuni della montagna Ovest di Parma e di altre battaglie sulla trasformazione degli Enti locali, sarà di ritorno il 13 marzo.
Il 22, invece, ripete che sarà a Roma, per protestare «in Piazza del Quirinale in mutande, con la fascia tricolore», contro «il ruolo di gabelliere attribuito sistematicamente ai sindaci da questo Governo (vedi Tares e, prima, l’Imu per la seconda casa)».