Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Salso - Si introduce in un garage, si ubriaca e ruba un'auto

08 marzo 2013, 12:56

Salso - Si introduce in un garage, si ubriaca e ruba un'auto

Dopo avere forzato di notte, la saracinesca di un’autorimessa in via Paradiso a Salsomaggiore, si è bevuto il vino che ha trovato nel garage e piuttosto alticcio si è portato via anche la macchina, una Citroen C3, che vi era custodita. 

Ma la fuga di A. T., 28 anni, moldavo, residente a Salso, senza occupazione fissa, si è interrotta dopo un quarto d’ora, in via Milano, quando una pattuglia di carabinieri in servizio di notte, ha notato, intorno alle 3, una macchina che zizagava paurosamente nella strada. Il moldavo, arrestato, per furto in flagranza di reato e ricettazione, è stato processato ieri per direttissima in Tribunale a Parma (giudice Eliana Genovese), dove ha patteggiato una pena di due anni di reclusione e un’ammenda di 450 euro. 
Nella notte fra martedì e mercoledì, una pattuglia di carabinieri in servizio in città, ha notato una Citroen, guidata da un uomo, che procedeva in via Milano, zizagando paurosamente. Immediatamente i militari, hanno intimato l’alt all’automobilista, che non si è fermato, ma si è dato alla fuga. I carabinieri si sono messi ad inseguire la macchina e quando il conducente si è visto ormai i militari alle costole, ha accostato ed è sceso dalla vettura, cercando di scappare a piedi. Ma dato il suo stato di evidente ebbrezza, è riuscito solo a fare pochi metri. 
Quando i militari lo hanno fermato, credevano si trattasse solo di una persona che guidava in stato di ebbrezza. Ma quando hanno controllato i suoi dati e quelli della Citroen, hanno scoperto che la macchina era stata rubata pochi minuti prima, da un garage di un’abitazione di via Paradiso. E il proprietario lo ha saputo dai carabinieri quando lo hanno avvertito. Il moldavo aveva forzato la porta basculante del garage e una volta all’interno si era bevuto parecchio vino che aveva trovato nell’autorimessa e aveva trovato anche un mazzo di chiavi, con attaccate quelle della macchina parcheggiata. Così si è messo alla guida ed è partito diretto verso il centro della città. 
Dopo essere stato bloccato, i carabinieri hanno provveduto anche ad una ispezione nella sua casa, dove hanno scoperto diversi attrezzi da giardinaggio e guarda caso, fra questi, c'era anche un tagliapiedi, di cui un salsese aveva denunciato la sparizione dal suo garage, alcuni giorni prima. 
Quando i carabinieri lo hanno avvertito, il salsese ha riconosciuto il suo attrezzo, di cui aveva fornito i dati durante la denuncia. Il moldavo si è giustificato dicendo che gli attrezzi erano suoi, in quanto svolgeva lavoretti di giardinaggio. I carabinieri hanno anche appurato che proprio nella stessa notte in cui il ventottenne ha rubato la Citroen, altri garage della zona erano stati forzati, ma all’interno non era sparito nulla.