Sei in Archivio

Buone Notizie

Africa, il futuro è donna: Beauty Salon a Shellalà

09 marzo 2013, 21:36

E’ rientrata da pochi giorni dall'Etiopia la delegazione di «Parma per gli altri» che per una settimana ha fatto visita a Shellalà dove, fra le altre cose, ha inaugurato il nuovo Beauty Salon, l’ultimo progetto dell’associazione a sostegno della micro imprenditoria femminile, per il riconoscimento del ruolo della donna nelle comunità africane.
La donna è da sempre un figura centrale nella gestione quotidiana della famiglia e delle economie locali. Una figura centrale, ma non riconosciuta. Grazie alle operazioni di micro credito di Parma per gli altri, le donne di Shellalà, riunite in cooperativa, hanno creato dei veri e propri gruppi di lavoro dedicati allo sviluppo di piccolo commercio, di attività di  catering per la comunità, alla realizzazione di un negozio in cui  mettere in vendita i prodotti del loro lavoro. Infine, il progetto del Beauty Salon: un parrucchiere e non un centro estetico qualsiasi; per le popolazioni africane la cura dei capelli è da secoli ritenuta una tradizione di significato importante, espressione della persona e della propria cultura.
Le giovani donne che lavorano nel Beauty Salon sono state formate per un anno ad Addis Abeba e sono affiancate da altre donne, che svolgono quei ruoli necessari per l’avviamento di una attività commerciale: contabilità, gestione ordinaria, pulizie.
All’inaugurazione del centro hanno preso parte gli anziani del villaggio, l’assessore alle attività femminili di Gombora, l'Abba (il parroco) della comunità e ovviamente la delegazione di Parma per gli altri, con Paola Salvini, vice presidente, Natalia Borri e Liliana Superchi, consigliere.
Il Villaggio di Shellalà e la sua comunità stanno crescendo nella loro completezza e questo grazie all'aiuto di tutta quella comunità parmigiana che, assieme a Parma per gli altri, sta contribuendo a garantire le condizioni essenziali di sviluppo di un popolo offrendo ai bambini, alle mamme e alle donne, piccole ma tanto importanti opportunità di crescita. Il Beauty Salon, realizzato con il generoso contributo di Trizio cui è stato intitolato, si aggiunge alla rete idrica costruita grazie al lavoro instancabile di Romano Superchi e a lui intitolata, alla Casa del miele di Ordè ancora intitolata alla memoria di Romano Superchi e alla Scuola elementare di Shallalà intitolata alla memoria di Andrea Borri.
Piccoli grandi esempi di quanto la comunità parmigiana ha fatto e continuerà a fare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA