Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Vecchi lascia la presidenza, l'Avis Langhirano prepara il suo futuro

12 marzo 2013, 08:21

Vecchi lascia la presidenza, l'Avis Langhirano prepara il suo futuro

Giulia Coruzzi 
 Si è svolta nei giorni scorsi l’assemblea annuale dei soci Avis Langhirano alla Casa del Donatore. Dopo cinque anni di presidenza della sezione locale, Giampaolo Vecchi ha concluso il suo mandato tracciando un bilancio generale in vista delle nuove elezioni che si svolgeranno il 24 marzo e che delineeranno la nuova compagine dirigenziale per i prossimi quattro anni.
Bilancio annuale
Sarà un mandato molto importante, che coinciderà con le celebrazioni del 50esimo anniversario della fondazione nel 2015. Il bilancio annuale della raccolta di sangue è quest’anno sostanzialmente positivo anche se in leggera flessione rispetto agli anni precedenti. L’Avis ha chiuso il 2012 con 840 unità raccolte. Il presidente ha sottolineato: «Le principali cause di questa lieve flessione sono in modo particolare da ricercarsi tra le attuali difficoltà legate alla congiuntura socio-economica nazionale e le conseguenti situazioni lavorative, nonché in alcune restrittive norme sanitarie legate ai parametri di idoneità alla donazione». L’Avis è comunque in salute e dinamica.
Il numero dei donatori è in aumento: nel 2012 sono stati 38 i nuovi donatori che portano il numero di donatori attivi a 648. «Vorrei ringraziare tutti i consiglieri e i soci che mi sono stati accanto in questi 4 anni di presidenza – ha aggiunto Vecchi -: l’esperienza che ho vissuto è stata altamente costruttiva, mi ha permesso di conoscere da vicino molti aspetti del volontariato e del sociale. Le persone che sono state al mio fianco mi hanno permesso di trascorrere questi anni in assoluta tranquillità, lasciandomi tempo per i miei impegni e sentendomi tranquillo nelle scelte e deleghe. Guidare una bella realtà come l’Avis di Langhirano è per me stato un onore e una gratificazione. Consiglio a chiunque voglia impegnarsi di cercare di entrare nella “Stanza dei bottoni” perché penso che spesso sia più la carica a migliorare l’uomo che non viceversa. L’orgoglio che mi ha riempito l’animo è frutto dell’insegnamento e dell’aiuto dei miei collaboratori».
Verso le elezioni
«Le prossime elezioni daranno indicazione su chi dovrà succederci: io penso che la sostanza ci sia, la traccia è segnata, la sezione è sana e le iniziative in campo sono tante, le persone che hanno voglia di impegnarci ci sono ma non sono mai abbastanza. L’invito ad esserci e partecipare è rivolto a tutti, a chi vorrà impegnarsi. Persone che ci auguriamo e siamo certi possano dedicare alla sezione l’amore, l'impegno, la competenza e il tempo che noi abbiamo con orgoglio offerto». Nelle votazioni di marzo saranno eleggibili i soci donatori che avranno effettuato almeno una donazione e che siano stati approvati dal consiglio direttivo uscente. Sono eleggibili i collaboratori ed ex collaboratori al 31 dicembre 2012. I soci potranno presentare la loro candidatura inviando il modulo ricevuto mezzo posta ordinaria o mail entro il 16 marzo.