Sei in Archivio

Parma

Vigili senza patente speciale, situazione a rischio secondo il sindacato Silpol

13 marzo 2013, 13:17

Vigili senza patente speciale, situazione a rischio secondo il sindacato Silpol

La polizia municipale di Parma avrà nuovi automezzi in dotazione ma c'è un problema: solo pochi agenti potranno guidarli. I nuovi mezzi hanno una targa speciale, «Polizia Locale». E per questi veicoli serve una patente speciale, che non tutti gli agenti in servizio a Parma hanno conseguito.
E' quanto denuncia il Silpol (Sindacato italiano lavoratori polizia locale), in una lettera che il segretario provinciale Pier Paolo Contini ha inviato a Prefettura, Motorizzazione e Comune. Secondo il Silpol, gli agenti senza patente speciale dovranno usare i mezzi più vecchi e si rischia che le pattuglie restino appiedate. Sarebbero a rischio anche alcuni servizi essenziali della polizia municipale.

«Con gli arrivi di automezzi e motomezzi con targa speciale - scrive Contini alle autorità cittadine - urge che tutto il Corpo sia dotato di patente di servizio. Infatti solo parzialmente, dopo l'uscita della legge che regolamentava in modo definitivo,  alcuni operatori di vigilanza sono stati dotati della patente».
«Gli altri, e non tutti, - aggiunge Contini nella lettera - hanno frequentato il corso d'obbligo ma non l'esame con le commissioni congiunte Prefettura, Motorizzazione Civile, Comando P.M. Si necessita che ci si attivi per fare detto esame per chi ha frequentato il corso e che si faccia il corso e l'esame patenti per chi non ha fatto il primo. Il Comandante Jacobazzi aveva iniziato tale procedura ma con la sua fuoriuscita dal Corpo tutto si è fermato. Così a noi appare».
Se solo una parte degli agenti potrà guidare i nuovi mezzi, conclude il segretario del Silpol, quelli senza la patente speciale «non guidano e non guideranno autoveicoli e motoveicoli targati Polizia Locale. Useranno i mezzi fatiscenti con targa civile. Questo dopo la circolare ministeriale dei giorni scorsi. Il rischio? Pattuglie appiedate in certe zone della città e per alcuni servizi essenziali tecnico operativi».

(foto d'archivio)

© RIPRODUZIONE RISERVATA