Sei in Archivio

Italia-Mondo

Camera e Senato: Bersani propone Laura Boldrini e Piero Grasso. Ma non raccoglie voti

16 marzo 2013, 10:00

Camera e Senato: Bersani propone Laura Boldrini e Piero Grasso. Ma non raccoglie voti

Pierluigi Bersani ha proposto i nomi di Laura Boldrini per Montecitorio e Piero Grasso al Senato. «Per noi responsabilità è cambiamento», ha motivato Bersani ricevendo gli applausi dei deputati di Pd, Sel e centro democratico.

Le candidature di Laura Boldrini per Montecitorio e Piero Grasso per Palazzo Madama, ha spiegato Bersani, «vanno nella logica di responsabilità e cambiamento». Il leader Pd ha poi aggiunto che nonostante sia fallito il tentativo del Pd di condividere le presidenze con altre forze «continueremo ad avere atteggiamento di condivisione e reciprocità anche per le presidenze delle commissioni

La situazione - Salta ogni intesa sulle presidenze delle Camere e il segretario del Pd Bersani gioca la carta Piero Grasso per il Senato e diLaura Boldrini, di Sel, per la Camera. Bersani si rammarica non ci sia stata condivisione con le altre forze politiche, ma aggiunge che il suo gruppo ha dimostrato di saper decidere, esprimendo 'una forza civica e morale che serve come messaggio al Paesè. Resta il no del M5S. 'Se li votinò, dice Fico. Si apre cos la battaglia per il ballottaggio che, con tutta probabilità, deciderà il presidente del Senato alla quarta votazione: Il Pdl, infatti, voter… Schifani. Tra lui e Grasso decideranno i voti di M5S e montiani. ---.

Forte appello del capo dello Stato Giorgio Napolitano alle forze politiche perchè si arrivi ad una scelta condivisa nell’ elezione dei presidenti delle Camere e nell’attribuzione di tutti gli incarichi istituzionali. Il presidente spiega che il premier Monti non può abbandonare il governo ora (per Palazzo Madama), perchè ciò genererebbe problemi istituzionali senza precedenti e di difficile soluzione. E annuncia che le sue consultazioni per la formazione del nuovo esecutivo cominceranno mercoledì 20 marzo.

Il pg di Milano Laura Bertolè Viale nel processo d’appello Mediaset, non è 'soddisfattàA' della certificazione presentata da Berlusconi come legittimo impedimento perchè 'non si capisce se è per le sue condizioni di salute o perchè deve andare a votarè. Dunque ha chiesto alla Corte o una visita fiscale o altri documenti. I giudici si sono ritirati in camera di consiglio per decidere