Sei in Archivio

Sport

Tridente o no? Ecco il dilemma di Donadoni

16 marzo 2013, 12:02

Tridente o no? Ecco il dilemma di Donadoni

Paolo Grossi

Domenica scorsa, dopo l'esito trionfale della sfida con il Torino, sia Sansone sia Amauri, interpellati in proposito nel corse delle interviste, hanno ammesso che sì, il 4-3-3 sembra essere più produttivo per il Parma. Tra sorrisini e allusioni, dicendo così gli attaccanti crociati tirano anche l'acqua al loro mulino, visto che in quel modo ci sarebbe un posto in più in prima linea.

In  realtà appare semplicistico affermare la superiorità di un sistema, in questo caso il 4-3-3, nei confronti di un altro, (il 3-5-2) spesso utilizzato da Donadoni, basandosi solo su qualche risultato in cui magari gli episodi, favorevoli o sfavorevoli, hanno avuto una notevole incidenza.

Finora Donadoni ha sempre pensato per prima cosa a mettere a suo agio la difesa, schierandola a tre quando si affrontavano avversari con due punte, e a quattro quando le punte erano tre oppure una sola. E su questo non c'è nulla da eccepire. Si può magari obiettare che una difesa  a tre non deve per forza di cose prevedere che in attacco le punte siano due: si potrebbe impiegare il 3-4-3 o la sua variante  3-4-2-1 ed ecco ripristinata la condizione per vedere in campo il tridente...................Articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

Qui Collecchio 
Palladino ai box. C'era anche Cerri
Allenamento mattutino ieri per il Parma a Collecchio. La squadra ha svolto esercitazioni tecnico-tattiche sul campo. E' rimasto a riposo Palladino (lesione adduttore coscia destra). Fermi anche Coda e Mesbah, allenamento differenziato per Belfodil, mentre Mariga e Santacroce hanno continuato nel proprio programma di recupero personalizzato. Intanto ieri si è allenato con la prima squadra il bomber degli Allievi Alberto Cerri (foto), classe '96. Oggi  la rifinitura è alle 14,30 a porte chiuse.