Sei in Archivio

Saperi e Sapori

"Birra dell'anno 2013": cinque medaglie al Birrificio del Ducato

17 marzo 2013, 21:05

Una trasferta da incorniciare, quella  del Birrificio del Ducato che, sbarcato in Romagna, il 23 febbraio scorso, dove ha partecipato al concorso «Birra dell’anno 2013» di Unionbirrai (tenutosi a RHEX Rimini Horeca Expo), è rientrato alla base di Roncole Verdi portandosi a casa un bottino di ben cinque medaglie grazie alle proprie birre «speciali». Impegnato in una costante ricerca, essenzialmente qualitativa, lungi da intenzioni di voler stupire a tutti i costi con «effetti speciali», il birrificio artigianale di Roncole Verdi si è guadagnato anno dopo anno una serie di riconoscimenti prestigiosi e una posizione di tutto rispetto sul terreno italico e sui più importanti mercati internazionali.
Al concorso «Birra dell’anno 2013» di Unionbirrai, di fronte a una giuria qualificata composta da 34 membri che hanno giudicato con un blind test, 556 birre, divise in 24 categorie, il Birrificio del Ducato si è aggiudicato: la medaglia d’oro con «La luna Rossa» (nata dal blend di più birre diverse, alcune invecchiate in botte fino a due anni con l’aggiunta di amarene e marasche); l’argento con «Sally Brown Baracco» (nata dalla collaborazione con la Torrefazione Baracco di Parma, ha un tipico aroma di caffè e ha un corpo vellutato che sorregge note di caramello, cappuccino e un tocco affumicato) e il bronzo con la «Verdi Imperial Stout» (invecchiata per almeno sei mesi in botti di whisky delle migliori distillerie scozzesi, profuma di vaniglia, liquirizia, cioccolato), «L’Ultima Luna» (Barley wine, maturato per 18 mesi in barriques di rovere francese ha color ramato intenso e profumo di frutti rossi e vaniglia), e la «Wedding Rauch» (ispirata alle tradizionali birre affumicate di Bamberg, di color ambrato con riflessi rossi, ha note affumicate e un sottofondo di caramello e frutta secca). «Siamo particolarmente soddisfatti – spiegano Giovanni Campari e Manuel Piccoli, soci fondatori del birrificio – in quanto a Rimini sono state premiate le nostre etichette speciali, il fiore all’occhiello della nostra gamma e massima espressione del nostro percorso di ricerca attorno al prodotto birra. Birre realizzate con ingredienti particolari, ma soprattutto con lunghi affinamenti nel legno, che testimoniano la nostra volontà di intraprendere una strada difficile, a volte su terreni inesplorati, ma che ci sta dando grandi soddisfazioni tra gli addetti ai lavori e tra i consumatori più esperti ed esigenti soprattutto fuori dei confini nazionali».  E.T.

 
 
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA