Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Gli abitanti di Colorno in aumento: adesso sono più di novemila

17 marzo 2013, 15:33

Gli abitanti di Colorno in aumento: adesso sono più di novemila

 Rino Tamani

Al 31 dicembre 2012 gli abitanti di Colorno erano 9125, di cui 4511 maschi e 4614 femmine, con un incremento rispetto al 2011 di 72 unità (9053, di cui 4478 maschi, 4575 femmine). 
L’incremento della popolazione è costante dal 2002 al 2012, con una media di 108 l’anno, e una punta di 240 nel 2004, ad eccezione del 2001, con 28 abitanti in meno rispetto al 2000 e del 2011 con 43 in meno rispetto al 2010. Nel 2010, il comune di Colorno ha superato i 9mila abitanti. L’aumento costante è dovuto alla presenza dei cittadini stranieri. Infatti, da 423 nel 2001, si passa a 1666 (875 maschi e 791 femmine) nel 2012: una media di oltre 100 l’anno.   Se non si considera la presenza degli stranieri, la popolazione di Colorno sarebbe quasi ferma ai livelli registrati un secolo e mezzo fa. 
Infatti, nel 1855, ovvero poco prima dell’Unità d’Italia, i cittadini censiti erano 7416. Un’altra caratteristica di Colorno è quella di coprire un territorio molto vasto, con una forte concentrazione nel capoluogo, dove abita l’80 per cento dei residenti. Nel frattempo, 174 stranieri dal 1995 al 2012, sono diventati cittadini italiani, a conferma di un percorso d’integrazione nel tessuto del paese.  Gli aventi diritto al voto sono 6262 (3026 maschi e 3236 femmine). Il numero degli elettori è pressoché stabile negli ultimi dieci anni.  
Anche le famiglie sono aumentate da 3813 del 2011 a 3855 (+ 42). Negli ultimi dieci anni, ad eccezione del 2009 e del 2011, sono in aumento di circa 65 all’anno.   A Colorno, come a livello nazionale, la popolazione maschile è superata da quella femminile: 4511 maschi contro 4614 femmine (+103). La differenza si ribalta tra gli extracomunitari, con prevalenza dei maschi 875 sulle femmine 791 (-84).
 Nel 2012 i matrimoni civili, 22, superano quelli religiosi, 15. Anche i nati, 91 (46 maschi e 45 femmine) superano di quattro unità i morti 87 (38 maschi, 49 femmine).   Buona la longevità dei colornesi: 1721 (maschi 796, femmine 925) hanno un’età compresa tra i 60 e gli 80 anni, 423 (maschi 141, femmine 282), dagli 81 ai 90 e 65 (maschi 17 e 48 femmine) dai 91 a 99 anni, due femmine ultracentenarie. Questi dati sono un’ulteriore conferma che la vita media è inferiore per le persone di sesso maschile.
«Il nostro paese - commenta il vicesindaco Mirko Reggiani - cresce senza frenesia, secondo indici di sostenibilità che favoriscono la maturazione di una comunità eterogenea, ma sempre più integrata, grazie soprattutto alla scuola che è al contempo luogo di socializzazione, educazione e integrazione». «Colorno - prosegue Reggiani - non si sottrae ai duri effetti della crisi economica e alle difficoltà che attraversano la Nazione. Ma attraverso i nuclei familiari vecchi e nuovi, la presenza di numerose associazioni sociali, culturali e sportive, la Scuola di Cucina e le tante imprese che tengono duro, si concretizza quel tessuto sociale che rappresenta l’anima del paese. In questa fase così delicata, non è facile dare delle risposte; spesso non è facile nemmeno stabilire le priorità. Per questa ragione è importante individuare le giuste forme di contatto e ascolto dei cittadini. Con il dialogo costruttivo è possibile fare molto anche quando mancano le risorse». 
Colorno è tra i paesi della provincia con il maggior numero di stranieri. Le comunità più numerose sono: albanese 168 (100 maschi e 68 femmine), bosniaca 20 (12 maschi e 8 femmine), cinese 92 (46 maschi e 46 femmine) ghanese 56 (33 maschi e 23 femmine), indiana 224 (127 maschi e 97 femmine), moldava 109 (39 maschi e 70 femmine), rumena 142 (55 maschi e 87 femmine), senegalese 146 (109 maschi e 37 femmine), tunisina 243 (132 maschi e 111 femmine).