Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Solignano, in un libro cinque secoli di storia

17 marzo 2013, 20:32

Solignano, in un libro cinque secoli di storia

 Un folto pubblico ha assistito alla presentazione del libro fresco di stampa di Gabriele Bocelli «La popolazione di Solignano e la sua chiesa dal XV al XX secolo, dai documenti dell’Archivio di Stato e dell’Archivio Storico Vescovile Diocesano di Parma» edito da Sprint.

 Cinque secoli di storia vissuta dalla piccola comunità di Solignano in una zona decentrata dell’Appennino Parmense, ma che a tratti è stata trascinata nel flusso principale della storia, tramandata nelle vicende che hanno visto protagoniste alcune importanti famiglie della zona. 
Il libro di Bocelli è una finestra aperta sui modi di vita di un tempo, dei piccoli fatti di cronaca, dei personaggi e sulle vicende della chiesa parrocchiale. Un lavoro meticoloso e di grande valore storico, ha introdotto l’esperto di storia locale Paolino Bergonzi, che ha richiesto un impegno durato sei anni, trascorsi in biblioteche e archivi della nostra città. Quella di oggi, ha proseguito Bergonzi, è una piacevole occasione culturale che restituisce alla comunità solignanese cinquecento anni di storia. 
Leggendo il libro di Gabriele Bocelli -  ha ribadito Gian Carlo Ferrari - si percepisce la grande passione per le ricerche di archivio, meticolose e puntuali, ma soprattutto l’amore per Solignano. Gian Carlo Ferrari, storico locale ed ex sindaco di Solignano, ha ripercorso alcuni fatti riportati nel saggio storico, e tante curiosità, come la nevicata del 9 agosto del 1554, le dinamiche della popolazione e una rara pianta della chiesa risalente alla prima metà del XVIII secolo. 
Nella folta platea, che ha assistito alla presentazione, c’erano anche autorità, come il vicesindaco Giancarla Colla, gli ex sindaci di Solignano Valter Trucci e Paolo Pambianchi ed esponenti del volontariato locale, come il presidente della Proloco Caterina Belisardi, che ha contribuito all’organizzazione dell’evento culturale, e il professor Andrea Lombatti insieme agli alunni della scuola media.
 La parola è poi passata all’autore del volume che ha sottolineato i momenti salienti che lo hanno spinto a pubblicare il saggio, a cominciare dal suo amore per il paese. La presentazione di Bocelli è stata arricchita dalla proiezione di diapositive e da un dibattito che ne è seguito. La presentazione, svolta nel circolo parrocchiale di Solignano, si è conclusa con un rinfresco offerto dall’autore.