Sei in Archivio

Quartieri-Frazioni

Le stelle: un amore senza fine

19 marzo 2013, 00:22

Le stelle: un amore senza fine

 OLTRETORRENTE

Per la prima Comunione la zia gli regalò il suo telescopio numero 1. 
A 14 anni preferì continuare a osservare le stelle anziché scorrazzare in motorino, e, invitato dai genitori a scegliere fra un telescopio nuovo fiammante e lo scooter che gli avrebbe garantito il primo soffio d’indipendenza, non ebbe alcun dubbio. 
Marco Bastoni, consulente informatico di 31 anni, è nato con il naso all’insù: astrofilo, fotografo del cielo, divulgatore e viaggiatore alla rincorsa di eclissi, è, prima di tutto, un appassionato, capace di immortalare gli spettacoli del cielo e, allo stesso modo, di tradurre le emozioni che ne conseguono in parole. 
Da sempre membro del Gruppo Astrofili Argonauti di Parma, può capitare di vederlo raccontare le meraviglie del cielo alla Famija Pramzana, in Oltretorrente, che ospita la sede dell’associazione, come può succedere di intercettarlo al ritorno da un viaggio il Lapponia, Australia, Cina, o Mongolia. 
Se si decide di volerlo incontrare, non si fa troppa fatica, visto che ha già programmato tutte le sue vacanze da qui al 2050. «Ogni viaggio che ho fatto o farò è legato alla mia passione - racconta mostrando le foto dell’aurora boreale, scattate pochi giorni fa in Lapponia -: il cielo offre spettacoli unici, totalmente prevedibili. In base a quelli io mi muovo». 
Nel 2017, ad esempio, sarà la volta degli States, dove si recherà per non farsi scappare un’eclissi di sole. 
Il libro che ha dato alle stampe l’anno scorso, «Eclissi! Quando sole e luna danno spettacolo in cielo», è una sorta di calendario di tutte le eclissi che interesseranno il pianeta da qui a 40 anni.
 «L’idea del libro nasce proprio dalla volontà di offrire a tutti la possibilità di andare a vedere, in giro per il mondo, quello che io definisco lo show più bello della natura – spiega Bastoni -, perché l’emozione che si prova a vivere un’eclissi totale di sole è davvero smisurata». 
Per farsi un’idea delle meraviglie che Marco osserva e fotografa con il suo telescopio, si può visitare il sito www.astrofoto.it. 
Proprio domani, inoltre, inizierà, nella sede della Famija Pramzana di viale Vittoria, il consueto corso di astronomia organizzato dal Gruppo Astrofili «Argonauti» di Parma.
Il primo appuntamento è previsto per le  21, ed è dedicato a  un argomento di grande attualità per quanto riguarda i nuovi orizzonti della scienza: «Il Bosone di Higgs». M.P.