Sei in Archivio

Sport

Leonardi: "C'è disparità nei diritti televisivi. Con la Roma c'era disparità negli investimenti"

18 marzo 2013, 13:21

Leonardi:

«Siamo consapevoli di quello che siamo: una realtà di provincia che per tanti motivi è nel gruppone di tutte le altre squadre, dopo ieri sera ci sono tante squadre intorno ai 35 punti». L'amministratore delegato del Parma Pietro Leonardi, premiato oggi in Campidoglio con il V Premio Andrea Fortunato - Lo Sport è vita, commenta così la situazione della squadra, all'indomani della sconfitta con la Roma per 2-0. «C'è una disparità dei diritti televisivi ma è una scelta e quindi va rispettata, ma dobbiamo anche dire le cose come stanno: noi non possiamo competere fin quando al di là delle casualità che possono succedere di stagione in stagione», ha proseguito Leonardi.
«Ieri sera, per esempio, c'era una disparità negli investimenti - ha detto il dirigente riferendosi al match perso con la Roma -. Ma eravamo riusciti a trasformare una partita che all’inizio sembrava compromessa in una partita abbordabile. Siamo stati fortunati all’inizio e un pochino sfortunati dopo, perché la gara poteva prendere una piega diversa».
Sul mercato, Leonardi aggiunge: «Belfodil resta a Parma? Da quando si parla di lui o per infortunio o per altre cose sta giocando poco. Sarebbe meglio che non si parlasse di lui così almeno c'è la possibilità che inizi a giocare con il Parma. Sennò non gioca più con nessuno», ha concluso Leonardi.