Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Doppia donazione per aiutare "Il Ponte"

19 marzo 2013, 22:11

Doppia donazione per aiutare

Nuove dimostrazioni di generosità, con una doppia donazione, per la Casa «Il Ponte», che ospita adulti con disabilità, la struttura di proprietà del Comune di Fidenza, gestita dall’Azienda Usl.

Si tratta dell’arredamento per «angolo relax», completo di libreria, televisore 42 pollici, lettore dvd, videocamera full hd e masterizzatore, acquistati grazie alla donazione che un gruppo di fidentini ha voluto fare in memoria dell’amico Marcello Adorni.  La donazione rappresenta  un  contributo utile a rendere ancora più accogliente la struttura, perché sia sempre più vissuta dagli ospiti come una vera «casa».

La seconda donazione, invece, è una sedia per doccia, acquistata grazie al ricavato della vendita di una coperta realizzata dalle corsiste di «Maglia e Cucito» dell’Unitre – Università della terza età - di Fidenza e al contributo degli operatori de «Il Ponte», che hanno voluto, con questo gesto, ricordare la collega scomparsa Ione Marani. Una attrezzatura che rende agevole una pratica che nel quotidiano di tanti è semplice, ma che per una persona diversamente abile può non esserlo.
E’ un piccolo gesto, ma che esprime grande attenzione verso una realtà che da quasi trenta anni, quotidianamente, si occupa di chi è particolarmente fragile e ha bisogno di costanti cure ed assistenza.
Sono in tutto 23 gli ospiti della Casa. Dodici vivono nella parte residenziale, dove svolgono la propria attività 3 educatori e 11 operatori socio-sanitari. Gli altri undici ospiti, fino ad un massimo di 8 al giorno, si alternano nel centro diurno, gestito da 2 educatori e 2 operatori socio-sanitari, dal lunedì al venerdì.
Vocazione del Centro è costruire un insieme di relazioni significative, per definire un ambiente agevole, in grado di aiutare il mantenimento delle facoltà residue di persone adulte con disabilità medio-gravi e gravi. Importanti per conseguire questa finalità sono anche le attività programmate all’esterno della struttura, come l’ippoterapia, uscite in piscina, gite.
La vita nella residenza è organizzata con tempi e modalità il più possibile simili a quelli di una famiglia, che vive in una casa. Le attività proposte al centro diurno, invece, sono adeguate a persone che hanno difficoltà a mantenere ritmi e complessità lavorative alti. Gli ospiti si sono quindi specializzati nella produzione di biglietti, porta foto, bomboniere e altri oggetti realizzati con carta riciclata, con risultati gratificanti, riscuotendo il gradimento anche di «clienti» provenienti non solo da Fidenza.