Sei in Archivio

Quartieri-Frazioni

La “Bottega sotto casa”: torna la festa in via Montebello

20 marzo 2013, 12:44

La “Bottega sotto casa”: torna la festa in via Montebello

COMUNICATO

Dopo il successo registrato nelle passate edizioni, il Consorzio “la Qualità dei Mercati” promosso da Ascom torna in città con un nuovo appuntamento che porterà in strada Montebello, dalle 9 alle 19 di domenica 24 marzo,  60 operatori con tutto il meglio dell’offerta mercatale su aree pubbliche.

La manifestazione, organizzata da Ascom Parma in collaborazione con gli operatori commerciali del quartiere, Fiva Confcommercio (Federazione Italiana Venditori Ambulanti) e il Consorzio “Terre dei Gonzaga”, sarà l’occasione per presentare al pubblico le nuove proposte di abbigliamento uomo/donna, articoli sportivi, ma anche oggettistica e accessori. I negozi della via inoltre resteranno aperti tutto il giorno con la possibilità di esporre direttamente in strada. 
“L’appuntamento in via Montebello è un’occasione di festa e di socializzazione non solo per il quartiere, ma per l’intera città. – commenta Claudio Franchini, direttore Area Associativa di Ascom – E’ grazie ad iniziative come questa che il nostro Consorzio, e più in generale l’Associazione, vuole  sostenere anche le aree commerciali della prima periferia, valorizzando così le attività presenti nei quartieri. Attività che sempre più spesso divengono punti di riferimento indispensabili al mantenimento di una buona qualità della vita, soprattutto per il servizio che garantiscono in particolare a persone anziane o fasce più deboli.”
“Realizzare giornate di festa come questa significa mettere insieme le forze per mantenere alta l’attenzione sul commercio, in particolare in un momento di difficoltà economica come quello che stiamo attraversando – aggiunge  Alessandro Battistini, commerciante di via Montebello – Lo sforzo congiunto di noi operatori, unitamente al supporto e all’organizzazione di Ascom, permette così la realizzazione di eventi che costituiscono un’importante occasione per coinvolgere la cittadinanza invitandola a riscoprire il patrimonio commerciale, ma non solo, dei nostri quartieri.“