Sei in Archivio

Parma

Bar del Regio, Ablondi: "Il Comune troppo spesso non rispetta le regole"

21 marzo 2013, 21:03

"C'è solo da sperare che si tratti di incomprensibile e ingiustificabile superficialità e che non appartenga al  “modus operandi” della Fondazione Teatro Regio l'aver aggiudicato mediante bando pubblico la gestione del tanto enfatizzato nuovo bar ristorante del Teatro prima ancora di avere certezza della possibilità d'uso dell'area di sedime delle strutture di accoglienza della clientela". A dirlo è l'ex consigliere comunale Marco Ablondi. 

"L'area pubblica attigua al Teatro, destinata a sede del bar, infatti non pare essere ricompresa tra quelle che l'apposito Regolamento  comunale classifica come aree idonee per l'attività di pubblico esercizio - continua Ablondi -. Gli spazi pubblici antistanti il Teatro  potrebbero essere  assoggettati a vincolo di rispetto del Monumento. Non è dato sapere se la Fondazione Teatro Regio abbia o meno preventivamente acquisito l'assenso dalla competente Sopraintendenza prima  della pubblicazione dell'apposito  bando o almeno prima dell'affidamento della gara al  suo unico  partecipante. Sarebbe  grave se avesse omesso di farlo. La gara svolta potrebbe non aver alcun effetto se non quello della pretesa di risarcimento del danno patito dal vincitore.
La negativa esperienza che ha visto il Comune ignorare il vincolo di rispetto apposto dalla Soprintendenza  su piazzale Picelli potrebbe aver costituito pessimo esempio per la Fondazione Teatro Regio. E' triste dover constatare che troppo spesso le regole non vengono rispettate dalle Istituzioni che, tra i loro compiti, annoverano il dovere di farle rispettate".

© RIPRODUZIONE RISERVATA