Sei in Archivio

Italia-Mondo

Ospedali psichiatrici giudiziari, prorogata di un anno la chiusura

21 marzo 2013, 16:59

ROMA, 21 MAR – E' stata prorogata al primo aprile 2014 la chiusura degli Ospedali psichiatrici giudiziari (Opg) in attesa della realizzazione da parte delle Regioni delle strutture sanitarie sostitutive. Lo ha deciso il Consiglio dei ministri.

La chiusura degli Opg slitta quindi di un anno, essendo il precedente termine fissato al 31 marzo 2013.
La proroga della chiusura degli Opg è contenuta in un decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri, su proposta del ministro della Salute, che contiene interventi urgenti in materia sanitaria. Nel decreto si sollecitano le Regioni a prevedere interventi che comunque supportino l’adozione da parte dei magistrati di misure alternative all’internamento, potenziando i servizi di salute mentale sul territorio. Si prevede, in caso di inadempienza, un unico commissario per tutte le Regioni per le quali si rendono necessari gli interventi sostitutivi.Sono 1.214 gli internati nell’intero sistema penale italiano, circa 1.100 nei sei Opg, di Aversa, Napoli, Reggio Emilia, Castiglione delle Stiviere, Barcellona Pozzo di Gotto e Montelupo Fiorentino, alcune decine sono invece ospitati nelle case lavoro. Lo indicano i dati, aggiornati al 18 marzo, del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria da cui gli Ospedali psichiatrici giudiziari dipendono, e da cui dipenderanno ancora per un anno, dopo la proroga stabilita oggi dal Consiglio dei Ministri.
Gli internati non devono scontare una pena relativa ad un reato commesso, ma si trovano reclusi, su decisione del giudice, in ragione di una valutazione di pericolosità sociale da parte di un perito o di un esperto. I più numerosi sono in Lombardia, 278, dove si trova l’Opg di Castiglion delle Stiviere, 235 sono in Emilia-Romagna, e in Campania tra Aversa e Napoli.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA