Sei in Archivio

Economia

Il segreto degli imprenditori? "Preparazione e passione"

22 marzo 2013, 20:20

Il segreto degli imprenditori?

Laura Ugolotti
Avvicinare i ragazzi al mondo dell’impresa del territorio parmense. E’ l’obiettivo di una serie di iniziative che vedono coinvolti in queste settimane i Giovani dell’Industria di Parma e gli studenti dell’Itc Melloni.
Oltre al progetto «Crei-amo l’impresa», promosso dal gruppo regionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria, che vedrà i ragazzi della 4ª B Mercurio del Melloni confrontarsi con i coetanei dell’Emilia Romagna nella sfida di dare vita ad un progetto imprenditoriale, anche gli studenti delle classi terze dell’Itc stanno iniziando ad avvicinarsi al mondo dell’impresa:   con  le visite in azienda e con  le testimonianze di imprenditori di successo del territorio.
La richiesta di un rapporto più stretto tra la scuola e il mondo dell’imprenditoria parmense è arrivata   dai docenti e dalla dirigente scolastica del Melloni,  Rosa Gabriella Orlandi, e il gruppo Giovani dell’Industria di Parma  ha  preso a cuore questa volontà rendendosi disponibile per avvicinare i ragazzi alle realtà aziendali del territorio.
Nei giorni scorsi sono stati Irene Rizzoli, amministratore delegato di Delicius, e Giovanni Baroni, fondatore di X3Energy,  a portare ai ragazzi la loro testimonianza. «Il mondo è cambiato – ha spiegato ai ragazzi Irene Rizzoli, che è impegnata da tempo nell’azienda di famiglia -; le regole che prima valevano ora non funzionano più, dal “pezzo di carta” che era sufficiente a garantire un lavoro alle raccomandazioni».
«Oggi i ragazzi devono prima di tutto studiare, e garantirsi la migliore preparazione possibile  -  aggiunge Rizzoli - perché il mercato del lavoro è complesso e molto competitivo. Devono mettersi in gioco, credere in se stessi e nei propri sogni, perché il futuro, per quanto incerto, è nelle loro mani. Certo, essere imprenditori richiede sacrifici e impegno, ma vale la pena sacrificarsi per vedere realizzato il proprio sogno».
«Non abbiamo fatto ai ragazzi una lezione di economia aziendale  -  chiarisce Baroni -; abbiamo raccontato la nostra esperienza, che nel mio caso è quella di un’azienda piccola, partita da zero. Il nostro intento era stimolare la loro motivazione, lo spirito imprenditoriale, spronarli ad impegnarsi per realizzare i loro progetti, per affrontare  il mondo del lavoro in modo attivo, da protagonisti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA