Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Primarie del Pd a Salso, l'appello al voto della Bersellini

22 marzo 2013, 20:07

"Riprendiamoci il futuro. Cominciamo dalle primarie" scrive Maria Pia Bersellini, candidata alle primarie del Pd di domenica 24 marzo, in un appello al voto.
Ecco il testo del comunicato:

Fra poche ore i cittadini di Salsomaggiore potranno scegliere con le primarie, per la prima volta nella storia della nostra città, il miglior candidato Sindaco per rappresentarli alle elezioni amministrative.
Una piccola rivoluzione, un primo grande mattone da posare per iniziare il progetto più grande: riprendiamoci il nostro futuro. Riprendiamoci il buon governo della città.
Non chiedo di votarmi perché ho ambizioni personali. Non chiedo di votarmi perché ho soluzioni buone per tutte le stagioni. Propongo altro.
Ai cittadini e alle cittadine di Salso chiedo un voto deciso e consapevole, e voglio spiegare loro che trasparenza e partecipazione costituiranno il metodo di governo che porterò avanti se vincerò queste primarie e sarò scelta per diventare Sindaco.
Salsomaggiore e Tabiano sono in grande difficoltà e per superare questa situazione hanno bisogno di persone competenti e responsabili, non di nuovi venditori di fumo.
Non servono miracoli per la riscossa della nostra città, ma grande impegno e un governo rinnovato e credibile. Un’Amministrazione aperta, capace di dialogare con il territorio e le altre forze politiche, nel nome di un bene comune che non possiamo ridurre al solito vecchio, insopportabile, dualismo tra destra e sinistra.
Vinceremo la sfida del cambiamento e del progresso se saremo costruttori di una nuova primavera di impegno civile per Salso, che valorizzi le scelte che valgono e rispedisca al mittente tutto ciò che non serve e non è utile. Un percorso nel quale non vedo una maggioranza e un’opposizione preconcette, ma solo un forte accordo comune per la crescita.
La prima emergenza che dovremo affrontare è quella del lavoro e del benessere minacciato. Il settore termale e turistico è in forte crisi, necessita di una svolta radicale, perché così come è congegnato oggi non offre più futuro alla città e alle centinaia di lavoratori che da esso dipendono. Prenderemo a calci il declino ripartendo dal buon funzionamento delle Terme e dalla Promozione della nostra Città per rilanciare il turismo, spendendo in investimenti utili i 2,2 milioni di euro fermi per il patto di Stabilità, riqualificando l’edilizia esistente senza più colate di cemento e consumo del suolo, sostenendo chi recupera e ristruttura. Salso sarà la città dell’equità fiscale, dell’Imu impiegata non per fare cassa ma per creare sviluppo, aiutare famiglie e giovani.
Salso sarà questo e molto altro ancora, se solo lo vorremo. Insieme.
Riprendiamoci la nostra città!