Sei in Archivio

Parma

Senza concordato preventivo, la Procura chiederà il fallimento di Spip

22 marzo 2013, 17:49

Senza concordato preventivo, la Procura chiederà il fallimento di Spip

Se il tribunale fallimentare respingerà il concordato preventivo per Spip, la Procura chiederà il fallimento della società partecipata del Comune. E l'attuale inchiesta già aperta per abuso d'ufficio si trasformerà in inchiesta per bancarotta fraudolenta.
Lo ha spiegato oggi il procuratore della Repubblica Gerardo Laguardia, nel corso del consueto incontro del venerdì con la stampa. L'udienza davanti al tribunale fallimentare, in cui si decideranno le sorti di Spip, è in programma per martedì prossimo. Il passivo di Spip accertato dai commissari giudiziali  nominati dal tribunale è di 115 milioni 802 mila euro, il debito con le banche è stato quantificato in 93 milioni di euro, di cui 76 milioni garantiti da ipoteche.