Sei in Archivio

Spettacoli

Film recensioni - Benvenuto Presidente!

23 marzo 2013, 21:32

Film recensioni - Benvenuto Presidente!

 Lisa Oppici

Sia un caso o sia un’operazione di marketing coi fiocchi, congegnata al millimetro, comunque un tempismo più perfetto per l’uscita di questo «Benvenuto Presidente!» era impossibile immaginarlo. Più d’attualità di così, insomma, si muore, piazzato com’è nel pieno di un caos politico-istituzionale quasi da Guinness. Qui a saltar fuori dal cilindro dei partiti che non si mettono d’accordo è, per sbaglio, un emerito signor nessuno: tal Giuseppe Garibaldi, detto Peppino, bibliotecario precario di un paesino di montagna, uomo onesto, semplice, trasparente, che si trova catapultato a Roma. Dove anziché rinunciare subito alla nomina decide invece di provare a fare il presidente della Repubblica, naturalmente a modo suo. E ci scappa pure l’amore. C’è tanta voglia di buona politica e di onestà in questa commedia che intercetta un bisogno dell’Italia di oggi e butta in farsa il malaffare romano, provocando risate a denti stretti se si pensa che la realtà è andata ben oltre l’immaginazione. Per il personaggio di Bisio, portatore delle istanze di bontà, semplicità e giustizia di un paese che vorrebbe solo esser retto da persone perbene, si son tirati fuori da un lato il Candido di Voltaire e dall’altro il Peter Sellers di «Oltre il giardino», ma siamo francamente lontani. 
Il film diverte (a tratti) ma non graffia, si ferma alla superficie, gira tutto su stereotipi e macchiette e risulta un giochino molto annacquato, senza infamia e senza lode, con un protagonista che ormai è sempre lo stesso e uno script tutto sommato poco incisivo. Ci s’aspettava di più. Ci si ferma, invece, alla comichetta così così, con taglio (troppo) buonista.
Giudizio: 2/5
SCHEDA
REGIA: RICCARDO MILANI
SCENEGGIATURA: FABIO BONIFACCI 
INTERPRETI: CLAUDIO BISIO, KASIA SMUTNIAK, BEPPE FIORELLO, CESARE BOCCI, MASSIMO POPOLIZIO, REMO GIRONE
MUSICHE: ANDREA GUERRA 
GENERE: COMMEDIA
Italia, 2013, colore, 1 h e 43’
DOVE: THE SPACE BARILLA CENTER, THE SPACE CINECITY CAMPUS