Sei in Archivio

Spettacoli

Film recensioni - Il figlio dell'altra

23 marzo 2013, 20:58

Film recensioni - Il figlio dell'altra

Lara Ampollini

Che succede se a 18 anni scopri che invece di essere figlio di un colonnello israeliano lo sei di un meccanico palestinese? O che tuo figlio è stato scambiato con quello di un’altra sotto una pioggia di Scud, durante la Guerra del Golfo? O che il tuo ragazzo irrequieto ti somiglia così poco perché non è ‘tuo’? E che tuo fratello è uno degli ‘altri’? Innesca un’esplosione di emozioni e reazioni l’incidente scatenante del film di Lorraine Lévy, lo scambio in culla di due neonati, uno di una famiglia ebrea, originaria della Francia, e uno di palestinesi della Cisgiordania. 
Le due famiglie vengono filtrate ai raggi X nel momento della rivelazione: la brama delle madri di vedere, toccare, conoscere il loro figlio naturale, il disorientamento dei ragazzi, la rabbia dei padri. Persino le sorelle piccoline delle due famiglie hanno modo di guardarsi per un momento negli occhi, prima di andare a giocare insieme con le loro bambole. Per loro è più facile, per tutti gli altri c’è tanto di più in gioco. La propria appartenenza a un fronte o ad un altro, a un modo di vivere o a un altro, il non potersi più abbandonare a un Dio improvvisamente estraneo. Joseph e Yacine avranno un’occasione straordinaria, potersi mettere nei panni l’uno dell’altro e vedere «davvero» con altri occhi, così come le loro famiglie. Le due mamme (Devos e Omari) sono straordinarie, sia come interpretazione, sia come figure catalizzatrici di pace, attraverso la forma di amore più forte, quella per un figlio. Sono loro, i loro cuori, il teatro dell’azione. Il conflitto quotidiano, la storia stanno in background , alla regista e sceneggiatrice non interessa prendere posizione. Una semplificazione? Forse, ma è semplice anche l’assunto del film. Se sapessimo aprire il cuore a chi odiamo, tutto il resto passerebbe in secondo piano. 
Giudizio 3/5
SCHEDA
(Le Fils de l’Autre)
REGIA:  LORRAINE LÉVY
SCENEGGIATURA:   LORRAINE LÉVY, NOAM FITOUSSI, NATHALIE SAUGEON
INTERPRETI:  EMMANUELLE DEVOS, PASCAL ELBÉ, JULES SITRUK, MEHDI DEHBI, AREEN OMARI, KHALIFA NATOUR
GENERE:  DRAMMATICO
Francia 2012, colore, 1 h e 45’
DOVE: EDISON