Sei in Archivio

Sport

Jaime Valdes, regista discusso. Ma la colpa non è tutta sua

24 marzo 2013, 19:05

Jaime Valdes, regista discusso. Ma la colpa non è tutta sua

 Paolo Grossi

 Tra gli spunti di analisi di questo periodo infelice nella stagione del Parma c'è senz'altro anche il rendimento di Jaime Valdes, un elemento che un anno fa Donadoni ha impostato come centromediano con compiti di regia, e che dopo aver interpretato brillantemente il ruolo l'anno scorso quest'anno sta stentando di più.
Partiamo con una considerazione che riguarda la fase difensiva. In questo senso lui è certamente poco propenso al recupero del pallone. E' penalizzato dal fisico e dall'aver giocato per una vita esterno offensivo, dove più che in contrasto si va in pressione sugli avversari. Nella sua nuova zona di campo bisogna invece saper scegliere il tempo anche per portare tackle e rubare palloni. Le sue difficoltà si palesano anche nell'alto numero di ammonizioni che si è visto affibbiare, buon'ultima quella di Roma quando l'arbitro Russo con magnanimità s'è limitato al giallo per l'intervento su Totti. Un giallo che lo costringerà a saltare il Pescara perché era già diffidato. Va detto che lui ce la mette tutta, non si risparmia, ma certi limiti sono difficili da superare. 
Passando invece alla fase di possesso palla, in certe gare il cileno è parso approssimativo e propenso ad allungare i tempi della manovra. In questo senso però ci sentiamo di spezzare una lancia in suo favore, perché un conto era giocare dietro a Giovinco e Floccari, un altro è dover imbeccare Amauri, Sansone o Biabiany. La differenza sta nella conoscenze calcistiche, nell'istinto «sapiente» dei due bomber dell'anno scorso, capaci di dettare il passaggio nel momento giusto e al posto giusto, cosa che invece non succede certo quest'anno. I suoi bei gol Sansone se li costruisce quasi da sè, Biabainy non ne fa, Amauri aspetta qualche cross (che non può arrivargli da Valdes, se non sui piazzati) o pure lui fa da solo.  Punte poco capaci di smarcarsi frenano il play maker, che paga dazio.