Sei in Archivio

Sport

Fidenza, una domenica nera

26 marzo 2013, 00:52

Fidenza, una domenica nera

Perdere così, in una giornata di pioggia, fa ancora più  tristezza. Ci poteva stare, ma il parziale che il Fidenza è costretto ad ingoiare a Piacenza è davvero troppo pesante: 4-2, tutto in favore della squadra di casa. Che vince con merito, sì, ma qualche demerito da parte della formazione ospite c'è. Per esempio: l'incapacità di partire con il piede giusto all'inizio dei due tempi, quando il Piacenza sembrava davvero vulnerabile. E poi perché una volta dimezzato lo svantaggio, con un po' di attenzione la squadra di Paraluppi avrebbe senza dubbio potuto gestire meglio la situazione. E magari arrivare al pareggio.
Invece dopo il gol di Bandaogo (2-1) la gara del Fidenza prende una piega inaspettata. Anzi, una deriva. A quel punto il Piacenza riesce a mettere a segno altri due sigilli. Inutile, nel mezzo il gol di Camara. Come detto, l'avvio è blando. Il Piacenza non preme sull'acceleratore mentre il Fidenza, che potrebbe davvero trovare uno spunto, aspetta la mossa dell'avversario.
Ne esce così una partita priva di grandi occasioni da rete, il risultato smentirà tutto. La prima vera conclusione del match la prova Sarno: al 3' la botta dalla distanza termina ampiamente sul fondo.
Il Piacenza cerca di svegliarsi e con Cazzamalli prova una giocata che però la difesa del Fidenza chiude bene e con sicurezza.
Il gioco si sviluppa maggiormente a centrocampo. Non piovono i cartellini, ma il terreno di gioco, pregno di pioggia, non dà grandi possibilità  di fraseggiare né ad una né all'altra squadra. Ci vuole un colpo ad effetto per trovare il gol che sblocca la monotonia. Arriva al 29': Jakimovsky vede lo spazio dai venti metri e lascia partire una conclusione, una gran botta che batte il portiere ma non la traversa, la palla rimbalza sulla linea, arriva Piccolo e mette dentro, 1-0. L'assistente dell'arbitro convalida comunque il gol sul tiro precedente, saranno polemiche a fine partita.
 Il primo tempo in effetti è tutto qui perché  la squadra ospite non reagisce. Ci prova Addona, ma viene fermato al momento della conclusione a rete.
Al 34' ci prova anche Cazzamalli, ancora, ma la botta viene smorzata e non se ne fa nulla. Nel secondo tempo la partita si fa avvincente. Il Fidenza parte sempre un po' remissivo, tanto che il Piacenza trova il gol del raddoppio. Al 1' Rieti gira la conclusione a mezza altezza che rimbalza davanti al portiere, non impeccabile, e si infila in rete. Il 2-0 non stordisce il Fidenza che, anzi, finalmente si sveglia a caccia del pareggio. Non è  un caso che al 10' sia proprio la squadra di Paraluppi a cercare il gol: Bandaogo sfrutta una grave incertezza del portiere che non trattiene e il giocatore ospite insacca il 2-1. Gara riaperta. O così sembra. Invece i tentativi della formazione di casa sono meglio assortiti.
Al 22' Colicchio fa 3-1 andando a deviare dopo un calcio d'angolo dalla destra, 3-1. Il Fidenza prova a reagire ma senza trovare spunti interessanti.
E così il Piacenza può mettere al sicuro il risultato se non fosse per il superlativo Medioli che para la conclusione di Cazzamalli. Al 33' ancora tutto in discussione: Camara entra palla al piede e calcia in porta trovando il 3-2. Il Fidenza adesso ci crede e va alla caccia del pareggio. Ma la gara finisce con il Piacenza che trova il quarto gol, e che gol. Al 40' Cazzamalli fa una cosa da cineteca, controllo volante in area, palleggio, e conclusione in rovesciata che non vale solo il 4-2, vale anche il prezzo del biglietto. Per il Fidenza è  uno stop non certo meritato, ma questa volta ha prevalso la grinta degli avversari.

Piacenza
4-
Fidenza
2-
Marcatori: 29' pt Jakimovsky, 1' st Rieti, 10' st Bandaogo, 22' st Colicchio, 33' st Camara, 40' st Cazzamalli.
Atletico Bp Piacenza (4-3-3): Pini 6.5, Melegari 7, Feher 6, Rieti  6, Fulcini 5.5, Colicchio 6, Jakimovsky 7, Cazzamalli 8, Piccolo  6.5 (42' st Centofanti sv), Bignotti 6.5 (35' st Colla 6), Silva 6  (15' st Matteassi 6). Allenatore: Franzini 6.
Fidenza (4-4-2): Medioli 5, Gallina 5.5 (38' st Mancini sv),  Colombi 5.5, Bandaogo 6, Bersanelli 6, Addona 6.5, Sarno 5.5 (32'  st Pasquariello 6), Pessagno 6, Camara 6 (39' st Ibrahimi 6),  Urbano 6, Bovi 6. Allenatore: Paraluppi 6.
Arbitro: Lorenzo Maggioni di Lecco
Note: Ammoniti: Silva, Rieti, Feher, Camara. Angoli:  7-4. Recupero: 2', 3'.