Sei in Archivio

Sport

Galloppa: "Quasi fuori dal tunnel"

25 marzo 2013, 17:06

Galloppa:

Paolo Emilio Pacciani

Era il 21 ottobre quando il suo ginocchio ha fatto di nuovo “crack” e per Daniele Galloppa è iniziato il secondo calvario. «Rottura del legamento crociato», la diagnosi, proprio come era successo due anni e mezzo fa e l'incubo è tornato a materializzarsi. Il centrocampista romano non si è però arreso alla sfortuna e dopo una riabilitazione più veloce del previsto («il chirurgo che mi ha operato mi aveva detto che sarei tornato in campo a metà aprile») contro la Roma ha “marcato” di nuovo una presenza con la maglia del Parma. «Vedo la fine del tunnel ma non ne sono ancora fuori del tutto - ammonisce Galloppa. Ne sono quasi fuori, diciamo che ho mezza macchina fuori».

Ripercorriamo questi mesi difficili per lei.
«E' iniziato tutto durante la partita con la Sampdoria al Tardini. Ho capito subito che si trattava di un infortunio serio ma solo il giorno dopo, quando mi hanno comunicato l'esito degli esami, ho realizzato che per me si trattava di ricominciare tutto da capo. Il legamento che era stato ricostruito due anni e mezzo fa si era rotto di nuovo. E' stata una brutta botta a livello psicologico, però col passare dei giorni ho affrontato la situazione con grande determinazione. Purtroppo nel calcio gli infortuni succedono, solo che io speravo di aver già dato...».

Rispetto alla prima volta è stata più dura?
«Sì, perché l'andamento post operatorio è stato più difficile. Per le prime quattro settimane ho anche dovuto portare un tutore con le stampelle. Del resto si trattava di una recidiva... Poi le cose sono andate migliorando perché non ho avuto quei freni psicologici che avevo invece la prima volta al momento di tornare a calciare»....L'intervista completa sulla Gazzetta di Parma in edicola