Sei in Archivio

Quartieri-Frazioni

Giochi delle 7 frazioni, in arrivo una tribuna da tremila posti

25 marzo 2013, 19:17

Giochi delle 7 frazioni, in arrivo una tribuna da tremila posti

Chiara Pozzati
Giochi senza frontiere»? «Ci fanno un baffo». Una super squadra per un evento che, di anno in anno, alza l’asticella verso il massimo divertimento, ma anche la massima professionalità. Ecco perché, in quartiere Vigatto, fervono i preparativi per i Giochi delle 7 frazioni. Siamo nella trattoria Scarica, roccaforte degli organizzatori, e sono proprio Achille Scarica e Marco Stocchi (presentatore d’eccezione) a svelare qualche dettaglio. Intanto, questa quarta edizione andrà in scena sabato 15 giugno a San Ruffino.
«Si parla di 3mila posti in tribuna, un numero precisato di ospiti speciali che vengono da tutta Italia, senza contare l’entusiasmo (e quel pizzico di sana competizione) dei nostri ragazzi»: a snocciolare i numeri sono i due promotori, il gatto e la volpe per gli amici. Ma le notizie non sono finite qua, già perché c’è un’altra proposta in cantiere: «Abbiamo deciso di fare un ulteriore salto a livello formale e giuridico dando vita al Comitato dei giochi delle 7 frazioni – aggiungono - una sorta di cabina di regia, riconosciuta a tutti gli effetti. Ci affilieremo a un’associazione e abbiamo invitato tutti i sodalizi del territorio a partecipare e unirsi a noi». Una proposta che già si preannuncia entusiasmante, «ma soprattutto fondamentale per garantire altissima professionalità e qualità a questo evento che ha raccolto larghissimi consensi». Di tutto questo si è parlato in una riunione fiume, andata in scena pochi giorni fa. «Le sforbiciate della crisi certo non aiutano – ammettono Scarica e Stocchi – ecco perché lanciamo un appello al buon cuore dei parmigiani e soprattutto alle aziende del territorio, nella speranza che ci sostengano il più possibile nella realizzazione dell’evento». Dal canto loro, gli instancabili organizzatori di Alberi, sono riusciti a donare in beneficienza oltre 30mila euro in 3 anni, «perché fare del bene con cuore generoso è uno degli obiettivi dei giochi dedicati a Luciano Benedini». Ma in pentola bolle ancora qualcosa, inutile negarlo: «Diciamo che a novembre potrebbe esserci un nuovo evento, capace di arrivare ancor più lontano – dicono con un sorriso sornione – ma per ora non possiamo svelare nulla».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA