Sei in Archivio

Arte-Cultura

L'amara visione della realtà

26 marzo 2013, 22:52

L'amara visione della realtà

 Camilla Mineo

Gli Animali nascosti di Aikman, Fabrizio Azzali e Alessandro Giordani visibili al Tcafè (fino al 31 marzo) parlano di noi, della nostra società, offrono spunti di riflessione profondi sul presente, raccontano di una forza primigenia feroce ormai dimenticata e di una realtà post-umana. I giovani artisti, stimolati dal curatore Domenico Russo, si sono interrogati sul ruolo che hanno gli animali che vivono insieme noi, alla loro influenza sul mondo reale e sulle nostre vite. Azzali propone con ironia, toni pop e rimandi al fumetto, temi sociali importanti come il disboscamento (In country sleep), racconta di mondi fantastici in cui lumaconi giganti vivono una bizzarra quotidianità e i maiali sono coccolati in un idilliaco allevamento. Si tratta di dipinti ricchi di particolari e di elementi stranianti, atmosfere sospese dotate di un equilibrio precario che sembra stia per essere stravolto da un momento all’altro. Il concetto di animalità è ben espresso da Giordani nelle cui opere dominano figure grottesche, maschere veneziane e sottili sagome, sono ritratti antropomorfi ottenuti dalla sovrapposizione di strati di materiali, dal plexiglass alla tela, in cui gli inquietanti animali si rivelano essere i protagonisti assoluti. Nei lavori di Aikman assistiamo a una vera e propria fusione fra l’uomo e l’animale e a una inversione dei ruoli: il cranio di un gorilla va a sostituire quello umano in un’opera in cui un ibrido uomo vitruviano è sovrastato da un’impalcatura industriale mentre in un tranquillo giardino di città un uomo ha simbolicamente il volto di un cane. Elementi ancestrali, riti sacrificali e iniziatici rimandano a un universo in cui gli animali ci dominano, hanno preso il sopravvento sulla nostra civiltà. Interessanti e originali le ricerche dei tre artisti che si rivelano molto diverse per contenuti e stile ma accomunate da un’amara visione critica e cupa della realtà attuale. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA