Sei in Archivio

Italia-Mondo

Rubata e bruciata la Porsche Cayenne di Graziano Mesina

26 marzo 2013, 12:18

Il fuoristrada col quale Graziano Mesina girava per la Barbagia accompagnando anche escursionisti alla ricerca del Supramonte di Orgosolo più vero è stato rubato e incendiato domenica sera. Il Porsche Cayenne di seconda mano, intestato alla sorella dell’ex primula rossa del banditismo isolano, e che veniva guidato da suo nipote, è stato trovato distrutto in una cava di Siniscola. Sul fatto indagano le forze dell’ordine: impossibile ancora dire se si sia trattato di uno sgarbo nei confronti di Grazianeddu oppure di un banale furto d’auto come tanti ne avvengono la notte nell’isola.

L'auto – secondo quanto hanno riportato i quotidiani L’Unione Sarda e La Nuova Sardegna – era nella disponibilità della famiglia di Mesina, che non ha la patente, e l’altra sera il mezzo sarebbe stato a Villagrande, un centro Ogliastrino dove potrebbe avere attirato l’attenzione di qualche balordo locale: auto vista e rubata. Ma poco dopo, forse anche in seguito al controllo dei documenti a bordo, i malviventi si sarebbero accorti di chi apparteneva decidendo quindi di disfarsene, prima provando a nasconderla in una delle vasche per la fabbricazione della calce e poi incendiandola. Ma gli inquirenti non escludono che possa essersi trattato di uno sgarbo a Mesina o a qualcuno della famiglia. Ma è ancora troppo presto per

© RIPRODUZIONE RISERVATA