Sei in Archivio

Spettacoli

"Verdi Discoveries": premio speciale per il cd ai Classical Music Awards

28 marzo 2013, 20:38

Paolo Panni

La prestigiosa cornice dell’Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, sede dell’Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi, ha ospitato la cerimonia di premiazione degli International Classical Music Awards, importante premio europeo che ha un solo criterio guida: la qualità.

La giuria, diciassette membri provenienti da tredici Paesi d’Europa, composta da giornalisti esperti di musica classica, direttori di riviste specializzate ed emittenti radiofoniche, ha premiato la migliore registrazione discografica in quindici categorie differenti.  Un premio speciale è stato conferito al cd «Verdi Discoveries», registrato dalla Decca nel 2003, contenente vari brani inediti del giovane Verdi nell’interpretazione del Maestro Riccardo Chailly alla guida dell’Orchestra Sinfonica laVerdi di Milano e ristampato per il bicentenario della nascita del Maestro delle Roncole.
L’originalità dell’interpretazione, la qualità esecutiva, la bellezza del suono e il contributo che il cd porta alla conoscenza della musica verdiana, sono fra le motivazioni del Premio indicate dai critici di tutta Europa. Riconoscimento che si congiunge al successo del precedente cd «Verdi Messa Solenne» contenente brani giovanili inediti sacri che l’Orchestra e il Coro laVerdi, diretti da Riccardo Chailly e Romano Gandolfi ha registrato per la Decca nel 2001.
Il cd venne allora recensito dalla stampa inglese come «il lavoro originale più importante pubblicato nel centenario verdiano» ottenendo la nomination al prestigioso Gramophone Awards 2001.
 Riconoscimento che ha portato soddisfazione anche a Parma, in particolare al professor Dino Rizzo, organista dell’Insigne chiesa collegiata di San Bartolomeo Apostolo in Busseto, che ha collaborato in entrambi i cd.
 I brani inediti registrati, infatti, sono stati da lui identificati con la ricerca che nel 1993 ha vinto la sesta edizione del Premio Internazionale di musicologia «Giuseppe Verdi», istituito dal Rotary Club di Parma e dall’Istituto Nazionale di Studi Verdiani, cui ha fatto seguito il volume «Verdi filarmonico e Maestro dei filarmonici bussetani».
Per la registrazione Riccardo Chailly e laVerdi hanno registrato le edizioni critiche che Rizzo ha scritto per «The Works of Giuseppe Verdi» dell’University of Chicago Press e Casa Ricordi, d’imminente pubblicazione nei due volumi «Juvenilia» (Sacred e Secular Music), oltre ad affidargli la stesura delle note illustrative dei libretti interni ai cd. Comprensibile soddisfazione che anticipa di pochi mesi la distribuzione della The Cambridge Verdi Encyclopedia edita dalla Cambridge University Press di cui Rizzo è stato membro del comitato di redazione.