Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Le imprese possono chiedere un anticipo del 20% sui fondi per la ricostruzione post-terremoto

29 marzo 2013, 21:11

Le imprese possono chiedere un anticipo del 20% sui fondi per la ricostruzione post-terremoto

Le imprese colpite dai terremoti del 2012 in Emilia-Romagna potranno presentare, insieme alla domanda per i fondi della ricostruzione, anche la richiesta di un anticipo fino al 20% dell’importo totale (presentando una fidejussione bancaria) e, attestando un eventuale primo stato di avanzamento lavori, anche la richiesta dell’assegno relativo. Sono due novità dell’ordinanza n.42 firmata oggi dal commissario Vasco Errani e disponibile sul sito regione.emilia-romagna.it/terremoto (sezione Atti per la ricostruzione).
L'ordinanza definisce anche i termini massimi per la liquidazione dei contributi alle imprese che presentano gli stati di avanzamento lavori o i saldi finali (45 e 60 giorni).
Sono state così introdotte modifiche già presentate alle parti sociali e agli ordini professionali per accelerare l’iter di erogazione dei contributi, per la riparazione, il ripristino, la ricostruzione di immobili ad uso produttivo e per la riparazione e il riacquisto di beni strumentali.
Tra le altre novità, c'è la possibilità di chiedere un parere preventivo sulla congruità dei costi se l’intervento necessario non è descritto nelle tabelle disponibili (indicano i costi convenzionali delle tipologie di danneggiamento ammesse a contributo): il via libera verrà dato entro 30 giorni dal nucleo di valutazione e dal comitato tecnico-scientifico regionale, vista la documentazione e dopo un eventuale sopralluogo. Previsto anche l’ampliamento dei costi ammissibili, aggiungendo lo smaltimento di scorte e beni strumentali danneggiati, e le spese di elettricità, acqua e gas per la ricostituzione delle scorte.

SLITTA LA SCADENZA PER LE CASE. Slitta dal 2 aprile al 30 giugno la scadenza per presentare in Comune le domande dei fondi della ricostruzione in caso di interventi già avviati per edifici e abitazioni danneggiate dai terremoti del 2012. E viene introdotta la possibilità di richiedere, all’atto di approvazione della domanda di contributo, un’anticipazione del 15% o del 20% del finanziamento. Lo stabiliscono le ordinanze numero 43, 44 e 45 firmate oggi dal commissario Vasco Errani, dopo continui confronti con le istituzioni locali, i cittadini e gli ordini professionali, per apportare miglioramenti a ordinanze precedenti e agevolare l’opera di ricostruzione.
Le ordinanze sono su www.regione.emilia-romagna.it/terremoto (sezione Atti per la ricostruzione).