Sei in Archivio

Spettacoli

Film recensioni - I Croods

30 marzo 2013, 21:08

Film recensioni - I Croods

Gianluigi Negri

«La paura è bene, il cambiamento è male». Non è la storia dell’Italia degli ultimi vent’anni, ma la preistoria (che guarda alla modernità) rappresentata nel nuovo cartoon Dreamworks.
Con annesso e «rivoluzionario» ribaltamento finale: cambiare, sperimentare, uscire dal guscio, aprirsi verso gli altri, avere coraggio, abbandonare la propria «casta» per condividere spazi, idee e scoperte con il prossimo.
Progressista ma non riformista, «I Croods» è un intelligente divertimento per famiglie che porta sullo schermo una famiglia dell’età della pietra, che abbandona la propria caverna e va alla scoperta del (nuovo) mondo: un film di viaggio, come «L’era glaciale», nel quale il tragitto, irto di ostacoli e sorprese, diventa classicamente occasione di crescita.
La ragazza adolescente scopre l’amore. Il padre scopre di avere un cervello (l’uomo della preistoria non lo sapeva) e, sebbene partorisca idee bislacche, tira fuori invenzioni esilaranti come le fotografie fatte a colpi di pietre in faccia.  La famiglia si disunisce per poi ritrovarsi.
Nel finale scorrono le lacrime. Prima, si ride di gusto. E c’è anche il messaggio animalista: la tigre con le zanne enormi, con la stazza di un elefante ed i colori del pappagallo si dimostrerà più docile e affettuosa di un gattino domestico.

Giudizio: 3/5

SCHEDA
REGIA: CHRIS SANDERS E KIRK DEMICCO
SCENEGGIATURA: CHRIS SANDERS E KIRK DEMICCO
GENERE: ANIMAZIONE
Usa 2013, colore, 1 h e 38'
DOVE: THE SPACE BARILLA CENTER, THE SPACE CAMPUS, ODEON (Salsomaggiore)