Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Caso Gas Plus, interviene il ministero per l'Energia

01 aprile 2013, 22:45

Caso Gas Plus, interviene il ministero per l'Energia

In seguito all’ordinanza del Tribunale di Fidenza che ha stabilito, lo scorso 11 marzo, in via cautelare e d’urgenza, che Gas Plus Vendite non potrà più fare concorrenza sul territorio di Fidenza a Gas Sales per i prossimi cinque anni,  il distributore di gas metano nel territorio del Comune di Fidenza, ossia San Donnino Multiservizi Srl, rende noto quanto successivamente disposto dalla Direzione Generale del Ministero per lo Sviluppo Economico-Dipartimento per l’Energia.
Il Ministero è intervenuto, negli ultimi giorni, in merito all’ordinanza con la quale il giudice aveva ritenuto di inibire a Gas Plus Vendite «l’esercizio dell'attività di vendita del gas naturale ai clienti finali, condotta nel territorio del Comune di Fidenza». Per effetto di questa ordinanza, il Ministero ha comunicato che, per quanto riguarda i contratti di fornitura stipulati dagli utenti finali con Gas Plus Vendite Srl entro il 31 gennaio, si rende necessario attivare la cosiddetta «fornitura di ultima istanza».
«Una procedura - spiega una nota di San Donnino Multiservizi - prevista dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, a tutela dei clienti finali che per cause indipendenti dalla loro volontà si trovino privi di forniture. Gli utenti interessati riceveranno quindi bollette di fornitura emesse dal soggetto venditore individuato come Fui (Fornitore di Ultima Istanza) che per l’anno termico in corso è Eni Spa Gas &Power».
«Per quanto concerne invece i contratti di fornitura sottoscritti dal mese di febbraio 2013 con la società Gas Plus Vendite - prosegue la nota - i clienti stessi si troveranno ancora forniti dal precedente venditore, ossia Gas Sales Srl». I contratti stipulati con Gas Plus dal 1° febbraio dovrebbero dunque essere nulli.
«La San Donnino Multiservizi - si chiude la nota - ricorda ai sensi del Decreto legislativo 164/2000 e successive modifiche che rimane la facoltà degli utenti di potersi rivolgere in seguito a qualsiasi altra società autorizzata alla vendita di gas metano nel territorio del Comune di Fidenza».