Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Fidenza - Tares, regolamento e tariffe

02 aprile 2013, 22:12

Fidenza - Tares, regolamento e tariffe

Dal 1° gennaio di quest’anno è entrata in vigore la Tares, il nuovo tributo comunale sui rifiuti e sui servizi indivisibili, che sostituisce la Tarsu.
Da più parti è stato chiesto al Governo di rimandare l’entrata in vigore della Tares al 1° gennaio 2014, ma una decisione non è ancora stata presa: se la proroga non verrà concessa la prima rata dovrà essere pagata in luglio.
Durante lo scorso Consiglio comunale sono stati approvati, con due diverse deliberazioni, il regolamento e le tariffe della Tares per il 2013. Hanno votato a favore i 10 consiglieri di maggioranza e il sindaco mentre hanno espresso parere contrario le opposizioni (Pd, Pdl e Cerri). La minoranza aveva proposto alcuni emendamenti che sono stati, però, respinti.
Come hanno spiegato, il vicesindaco e assessore al Bilancio Stefano Tanzi e la ragioniera capo Lucetta Pietralunga, «il tributo si articola in una parte fissa, destinata a coprire i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, e una variabile, destinata a finanziare i costi dei servizi indivisibili del Comune.
Per quanto riguarda le agevolazioni e le riduzioni abbiamo confermato quelle già previste per la Tarsu. Anche le superfici imponibili sono le stesse».
«Le tariffe – si legge nel regolamento votato dal Consiglio – sono articolate in due fasce di utenza, domestica e non domestica, e sono commisurate alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia di attività svolte».
L’amministrazione ha deciso di ripartire i costi del servizio per il 55% sulle utenze domestiche e per il 45% su quelle non domestiche e di lasciare al minimo la «parte variabile» della tariffa.
La maggiorazione sarà quindi versata totalmente allo stato.