Sei in Archivio

Gazzettascuola

I futuri periti agrari si sfidano al Bocchialini

02 aprile 2013, 13:47

I futuri periti agrari si sfidano al Bocchialini

Enrico Gotti

Al Bocchialini si sfidano i migliori futuri periti agrari d’Italia. Giovedì 11 e venerdì 12 aprile, nella scuola di viale Piacenza, si terrà la gara nazionale degli istituti agrari.
Lo scorso anno, la medaglia d’oro è andata ad uno studente del Bocchialini, Michele Trevisan, e, come vuole la regola, quest’anno è l’istituto di Parma ad organizzare la sfida promossa dal ministero dell’istruzione. 
Quarantadue studenti, provenienti da tutta Italia, si sfideranno in due giorni di prove, una scritta e una pratica, nelle materie di biologia applicata, chimica agraria, tecnica di produzione animale e vegetale, gestione aziendale, topografia e costruzioni rurali, che caratterizzano il corso di Istruzione tecnica indirizzo agrario (Progetto Cerere). 
Ciascun candidato arriverà a Parma con un suo «allenatore», che potrà essere un professore o il dirigente scolastico del suo istituto. L’iniziativa è sostenuta da aziende del territorio, dall’ufficio scolastico regionale, dal collegio agrotecnico e dal collegio dei periti agrari. 
«È un’occasione di confronto, è un momento importante anche per gli accompagnatori, per valutare le competenze indispensabili per formare i futuri periti -  dice il preside del Bocchialini, Sergio Olivati - La gara nazionale offre un’occasione di arricchimento per tutti gli istituti, per noi è l’occasione per far conoscere la città, con una visita ai tesori artistici e alle eccellenze della Food valley. Avremo come ospiti un centinaio di persone».
 Michele Trevisan, studente dell’istituto "Fabio Bocchialini" ha vinto l’edizione 2012 della Gara nazionale degli istituti tecnici agrari, che è svolta dal 2 al 4 maggio nella sede dell’Itas «Mendel» di Villa Cortese, in provincia di Milano. 
Ad allenarlo c’era il professore Giovanni Delbono, oggi organizzatore della parte didattica della gara nazionale. «Questo titolo è un buon lasciapassare per il mercato del lavoro, un titolo importante. Gli studenti che si sfideranno sono i migliori d’Italia, e devono avere medie di voti molto alte per poter partecipare» spiega il preside Olivati. L’istituto Bocchialini di viale Piacenza è un vivaio di studenti da lode. Negli ultimi cinque anni, a queste gare, ha sempre agguantato il podio: il primo posto nel 2012 e 2008, il secondo o il terzo posto nelle altre edizioni.