Sei in Archivio

Economia

I redditi degli immobili non locali esclusi dall'Irpef

02 aprile 2013, 20:29

Sono proprietario di una  casa dove risiedo e dimoro e di un ulteriore fabbricato che non è affittato. Vorrei sapere se per il secondo fabbricato oltre all’IMU devo pagare anche l’IRPEF in dichiarazione
P.B. Parma

Corrado Ghezzi e Daniele Rubini
L’Imu sperimentale per gli anni 2012-2014 è stata concepita al fine di sostituire  l’Ici oltre che la componente immobiliare Irpef e le addizionali comunali e regionali dovute sui redditi fondiari concernenti i beni non locati. L’Agenzia, con la circolare 5E  ha recentemente fornito importanti chiarimenti in merito ai rapporti tra Imu e Irpef e tra Irpef  e addizionali ai fini reddituali.
Le esclusioni La circolare chiarisce innanzitutto  che i redditi fondiari degli immobili non locati sono esclusi dalla formazione del reddito complessivo e pertanto non soggetti a tassazione ai fini Irpef. Questa esclusione influisce sia sulle aliquote progressive che sulle detrazioni per i carichi di famiglia. Tali redditi non sono considerati neppure per determinare la condizione o meno di familiare a carico.
I redditi esclusi dall’applicazione dell’Irpef riguardano:
qgli immobili non locati, compresi quelli tenuti a disposizione e concessi in comodato;
qgli immobili inagibili anche se per loro l’Imu è ridotta al 50%;
qi terreni non affittati con riferimento solo al reddito dominicale; mentre  il reddito agrario continua ad essere soggetto alla normativa Irpef.
Effetto sostitutivo L’effetto sostitutivo non si produce invece con riferimento ai redditi dei fabbricati relativi a beni locati diversi da quelli  per cui si è optato per la cedolare secca. Per questi si applicano le regole relative a tale imposta sostitutiva. Nel caso in cui l’immobile sia stato locato solo per una parte del periodo di imposta, l’Imu sostituisce l’Irpef e le addizionali solo per il periodo di imposta in cui l’immobile non era locato. Sempre per effetto del principio di sostituzione dell’Imu se il reddito dell’abitazione principale non concorre più alla formazione del reddito complessivo non è possibile neppure applicare la corrispondente deduzione.
La Circolare chiarisce inoltre che i contribuenti che hanno prodotto nel periodo di imposta di riferimento unicamente redditi sostituiti dall’Imu sono esonerati dalla presentazione del modello di dichiarazione dei redditi. Nel caso in cui invece vi fosse l’obbligo di presentare la dichiarazione  in quest’ultima devono comunque essere indicati anche i fabbricati esclusi dalla tassazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA