Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Il Consiglio dei ragazzi nascerà entro la fine di maggio

02 aprile 2013, 20:21

Il Consiglio dei ragazzi nascerà entro la fine di maggio

MONTECHIARUGOLO
Nicoletta Fogolla


Anche Montechiarugolo potrà contare sul consiglio comunale dei ragazzi. L’iniziativa sta creando fermento all’Istituto comprensivo «Cecrope Barilli» di Basilicagoiano: il nuovo organismo prenderà forma entro la fine dell’anno scolastico. «Nel programma di mandato - sottolinea Elena Chierici, assessore alle Politiche educative - l’Amministrazione ha indicato come elemento prioritario lo sviluppo di processi di partecipazione dei cittadini e il consolidamento della collaborazione con le agenzie educative del territorio, in modo particolare con l’Istituto “Barilli”. Con questo progetto - continua - vogliamo avvicinare i ragazzi alle istituzioni territoriali, stimolare il loro senso di responsabilità, generare occasioni di confronto e di dialogo tra i giovanissimi, su argomenti che possono riguardarli da vicino». «Con il consigliere di minoranza Elena Conti - ricorda Valerio Fontanesi, assessore alla Cultura - abbiamo incontrato due classi di prima e seconda secondaria di primo grado. I ragazzi hanno dimostrato molta curiosità e hanno colto l’occasione per porci molte domande. Tra l’altro, alcuni ci hanno anche piacevolmente sorpreso, dimostrando grande preparazione sui temi di attualità. Il tempo a disposizione è così letteralmente volato. Molti hanno manifestato la volontà di candidarsi». Ora l’auspicio da parte dell’assessorato alle Politiche educative e dei referenti del progetto all’interno dell’Istituto «Barilli», in primis la professoressa Carmen Santillo, è che le elezioni del consiglio comunale dei ragazzi possano svolgersi entro la metà di maggio. «In questo modo - conclude Chierici - prima della fine dell’anno scolastico dovrebbe insediarsi il primo Consiglio e tenersi l’elezione del primo sindaco dei ragazzi. Così, all’inizio dell’anno scolastico 2013/2014, l’organismo gestito dai giovanissimi sarà operativo e potrà procedere all’individuazione dei temi su cui lavorare, avviare il confronto e la partecipazione».