Sei in Archivio

Tech zone

Istella, nel web la supernova passa da Parma

02 aprile 2013, 13:48

Istella, nel web la supernova passa da Parma

 Patrizia Ginepri

Il suo nome è sardo: istella (stella, in italiano). E' la supernova dell'universo web, ovvero, il nuovo motore di ricerca lanciato nei giorni scorsi da Tiscali. Obiettivo del progetto è scandagliare il web nascosto fatto di archivi e contenuti di inestimabile valore, ma anche il sapere comune per conoscere e condividere la cultura italiana. Come funziona? Ogni utente registrato avrà la possibilità di rendere pubblici i propri dati e i propri documenti (immagini, video, audio). Tutto il materiale verrà sarà indicizzato e ogni utente avrà a disposizione la propria biblioteca digitale.
«Non vogliamo contrastare Google sul suo stesso terreno: muoviamo i primi passi con un servizio che più che alternativo è complementare» ha ribadito Renato Soru, patron dell'azienda di tlc. E' un progetto che mette l'italianità al primo posto e in quest'ottica anche Parma ha un ruolo importante. Tra i partner, infatti, (istituzioni, aziende, fondazioni) c'è anche Blom Cgr (Compagnia Generale Ripreseaeree), azienda parmigiana leader in Italia nella fornitura di servizi d’informazione geografica.
«Istella è un amplificatore della conoscenza particolarmente orientato al patrimonio naturale, culturale e storico del Paese - dice Giovanni Banchini, presidente e ad di Blom Cgr - posizionandosi in spazi cui i tradizionali motori non hanno sin qui mostrato un focalizzato interesse. La nostra società contribuisce alla riuscita del progetto, con il proprio archivio di dati e di immagini aeree appartenenti alla suite TerraItaly™ che riproducono il territorio nazionale, la sua trasformazione e soprattutto la sua bellezza unica».
L’archivio TerraItaly™ con oltre 6 milioni di immagini aeree per oltre  200 terabytes di dati, è il più grande archivio privato di immagini disponibile oggi in Italia e sicuramente tra i primi per dimensione e rappresentazione multi temporale in Europa. «ll Bel Paese - spiega Banchini -  viene documentato a partire dall’inizio della seconda guerra mondiale, con una cronologia di immagini che evidenziano la trasformazione del territorio, fornendo all’utente una visione dettagliata delle immagini, che l’evoluzione della tecnologia affidata alla professionalità e al know-how aziendale è stata in grado di generare».
Grazie alla collaborazione con Blom Cgr è possibile osservare nella sezione mappe di istella, la stessa porzione di territorio in evoluzione nei decenni fino allo stato attuale. In particolare, le immagini aeree TerraItaly™ vengono erogate attraverso la piattaforma BlomURBEX™,  progettata per mettere a disposizione online i contenuti ed i servizi unici della società parmigiana.
«Nel nuovo portale istella -  prosegue Giovanni Banchini - le nostre immagini svolgono la funzione di “vassoio” sul quale posizionare o ricercare  tutte le informazioni che traggono valore aggiunto dall’alta qualità e dalla vasta copertura multitemporale garantita da Blom Cgr. Ciò è di vitale importanza per gli utenti che utilizzano questi dati per eseguire studi territoriali di tipo antropico, forestale, agricolo, idrogeologico, di geomarketing, di archeologia, di ricerca storica, fino anche a stabilire l’anno di costruzione di un edificio. La richiesta sia di immagini aeree sia di queste applicazioni web, è in rapida crescita e grazie alla partnership con Tiscali, il portale istella ed i servizi ad esso collegati forniranno innumerevoli ulteriori possibilità agli utenti in nuovi segmenti di mercato».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA