Sei in Archivio

Economia

Costruzioni: qualche spiraglio a fine 2012

03 aprile 2013, 21:13

E’ ancora in affanno l’economia e il momento del settore è difficile, ma le indicazioni che emergono dall’indagine sulla congiuntura delle costruzioni realizzata in collaborazione tra Camere di commercio, Unioncamere Emilia-Romagna e Unioncamere italiana lasciano intravvedere uno spiraglio. Nell’ultimo periodo del 2012 infatti, il volume d’affari a prezzi correnti è cresciuto dello 0,7%, in controtendenza rispetto al trend dei 12 mesi precedenti (-2,9%) e al risultato nazionale (-10,7%).
La timida ripresa è dipesa dal buon andamento delle imprese fino a 9 dipendenti (+5,4%). Le agevolazioni sulle ristrutturazioni edilizie e i primi lavori di ricostruzione dopo il sisma di maggio possono essere alla base di questo trend. Segni negativi interessano invece la fascia da 10 a 49 dipendenti (-1,9%) e una nuova pesante flessione colpisce quelle da 50 a 500 dipendenti (-7,6%). Il bilancio annuale è risultato negativo (-1,5%).
Per la produzione corrente il quadro resta negativo. La percentuale di imprese che ha registrato una diminuzione dell’attività nel trimestre rispetto al quarto del 2011 è stata del 55%).
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA