Sei in Archivio

Provincia-Emilia

Frana di Signatico, l'attenzione resta alta: un escavatore è pronto a intervenire

03 aprile 2013, 17:25

Frana di Signatico, l'attenzione resta alta: un escavatore è pronto a intervenire

Monitoraggio continuo, interventi di drenaggio e un escavatore in loco pronto a intervenire. Sulla frana di Signatico l’attenzione resta alta, dice la Provincia. «Quella di Signatico, sulla provinciale 13, al km 15 circa, è una frana importante e che ci sta preoccupando, con un fronte di circa 100 metri che rischia di rovesciarsi sulla strada provinciale e poi più a valle nel Torrente Parma - dice l’assessore provinciale alla Viabilità Andrea Fellini in un comunicato -. È la frana più estesa come dimensioni ma non solo: nel momento in cui dovesse scendere non si limiterebbe a “portar via” la strada ma arriverebbe fino al torrente, creando problemi molto seri. Ora, a seguito di un sopralluogo di operatori del Servizio tecnico di bacino, la Provincia sta eseguendo scavi per drenare le acque di superficie. E abbiamo già sul posto un nostro escavatore a difesa della strada, pronto a intervenire in caso di bisogno».
Con gli occhi che passano dalla cartina al cielo, l’assessore delinea un quadro complessivo difficile in tutto il territorio dopo le piogge dei giorni scorsi: «La situazione - afferma Fellini - resta piuttosto preoccupante. Il personale del Servizio Viabilità della Provincia sta sfruttando queste ore di sole per cercare di mettere in sicurezza i casi di interventi più leggeri, quali la rimozione di massi e la pulizia delle cunette stradali. Resta chiusa la provinciale 74 ma è percorribile, anche se con qualche difficoltà, la viabilità alternativa, resta chiusa la provinciale 17 di Vetto: anche lì aspettiamo di poter intervenire con condizioni climatiche migliori». Il meteo infatti non aiuta: «Le previsioni parlano di pioggia già dalle prossime ore - dice Fellini - però il tempo resta abbastanza variabile, quindi pioggia con schiarite. È ovvio che non possiamo farci cogliere di sorpresa. E il monitoraggio non sarà mai interrotto in queste ore».
La situazione resta in continua evoluzione. «Ad oggi noi abbiamo censito più di 100 frane che interessano la viabilità provinciale, ed è stato calcolato - conclude l’assessore provinciale - che per una sistemazione rilevante di questi movimenti franosi occorreranno dai 6 agli 8 milioni di euro».