Sei in Archivio

Parma

"Inammissibile l'uso di multe e autovelox per fare cassa". E la Maestri polemizza con il collega del Pd

04 aprile 2013, 13:11

 No all’uso delle multe e dei nuovi autovelox per fare cassa. E’ quanto afferma il deputato Pd, Michele Anzaldi, in una nota diramata ieri alle agenzie di stampa per annunciare la presentazione di un’interrogazione urgente al ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri.

 «Il ministero dell’Interno verifichi la regolarità delle manovre di bilancio decise dalla Giunta Pizzarotti in merito alla previsione di aumentare gli introiti comunali anche grazie ad un corposo aumento delle multe, con il posizionamento di nuovi autovelox. Si tratta, infatti, di una decisione che andrebbe contro diverse sentenze della Corte di Cassazione», sostiene Anzaldi, che  ha preso spunto dal servizio mandato in onda dalla trasmissione «Ballarò». Le telecamere della Rai, venerdì mattina, erano sotto i portici del Grano in attesa di conoscere l’esito della trattativa fra la delegazione trattante del Comune e le organizzazioni sindacali riguardo al pagamento delle indennità ai dipendenti comunali. Sauro Salati, segretario generale della Funzione pubblica della Cgil, aveva spiegato che una piccola percentuale delle risorse necessarie sarebbero arrivate anche dalle multe. «Con un servizio in prima serata di fronte a milioni di persone – spiega Anzaldi – la trasmissione di Raitre Ballarò ha svelato che il Comune di Parma si appresterebbe a far quadrare i conti con una stangata sulle multe. Gli organi di informazione parlano di un aumento del 9 per cento di contravvenzioni previste a bilancio per il prossimo esercizio. Resta da capire sulla base di quali valutazioni le multe dovrebbero aumentare così tanto in un solo anno. Qualora l’amministrazione di Parma volesse fare cassa con gli autovelox violerebbe diverse sentenze della Corte di Cassazione, che ha chiarito l’illegittimità di utilizzare le sanzioni stradali come strumento per implementare le entrate comunali».Il deputato Pd termina la sua nota rivolgendosi direttamente al ministero dell’Interno: «Il Viminale accerti immediatamente la reale situazione delle decisioni adottate dalla Giunta comunale di Parma. Qualora il sindaco Pizzarotti non smentisca prontamente la ricostruzione emersa, la situazione passerà al vaglio delle autorità giudiziarie».
 
La reazione della Maestri (comunicato stampa) :
Apprendo dalle agenzie dell'iniziativa del deputato Pd Anzaldi, assunta in totale autonomia e senza alcun raccordo con i parlamentari del territorio. Augurandomi che in futuro Anzaldi si presti ad una maggiore collaborazione, spero, nel frattempo, che abbia valutato correttamente l'accordo tra organizzazioni sindacali e Amministrazione comunale. La fretta, a volte, è cattiva consigliera.

Patrizia Maestri