Sei in Archivio

Spettacoli

Padri contro, belli e dannati

04 aprile 2013, 20:55

Padri contro, belli e dannati

Francesca Pierleoni

ROMA - Le vicende di due giovani padri, un motociclista dal passato difficile che diventa rapinatore e un poliziotto al bivio fra bene e male, si riflettono, 15 anni dopo, sulle vite dei rispettivi figli: è «Come un tuono» di Derek Cianfrance, in uscita oggi nelle sale italiane. Il dramma mette a confronto due fra i nuovi divi e sex symbol più corteggiati ad Hollywood: Ryan Gosling (già protagonista del film precedente di Cianfrance «Blue Valentine»), e Bradley Cooper, fresco di nomination all’Oscar per «Il lato positivo». Nel cast anche Eva Mendes (che sul set ha iniziato la sua storia d’amore con Gosling) e Ray Liotta.
Interpreti impensabili fino a qualche anno fa per Cianfrance, ex documentarista che, dopo l’esordio nel 1998 con «Brother Tied», ci ha messo 12 anni a realizzare «Blue Valentine», disperata storia d’amore ben accolta dalla critica e dal pubblico che ha portato a Michelle Williams una nomination all’Oscar nel 2011. Il regista ha spiegato di aver iniziato a lavorare alla sceneggiatura di «Come un tuono» nel 2007, poco prima della nascita del suo secondo figlio: «Pensavo molto al fuoco che ho sempre avuto dentro, una forza che mi aveva spinto a fare molte cose nella vita, ma che era stata anche molto distruttiva. Speravo che il mio bambino nascesse senza quel dolore, quel fuoco, così ho deciso di fare questo film su ciò che ereditiamo e che passiamo ai figli».
Il film parte raccontando la storia di Luke (Gosling), pilota acrobatico dal passato difficile di cui porta i segni su un corpo coperto da tatuaggi. Per lui, che lascia lo spettacolo ambulante in cui si esibisce per mettersi in cerca dell’ex fidanzata Romina (la Mendes), è uno shock scoprire di essere diventato padre, da qualche mese, di un bambino. Per provvedere alla sua famiglia, nonostante le resistenze di Romina, che di lui non si fida più, Luke si dà alle rapine in banca. Una scelta che porta sulla sua strada Avery (Cooper), poliziotto idealista, anche lui padre di un bambino della stessa età, che si trova ad affrontare la corruzione di colleghi e amici e la voglia di fare carriera.
Per il film, ricco di scene d’azione e inseguimenti, Gosling è diventato un provetto motociclista, sotto la guida di uno dei migliori stuntman di Hollywood, Rick Miller, e per sembrare un rapinatore credibile ne ha incontrato uno vero: «L'idea per il personaggio - ha spiegato l’attore canadese - era mescolare una serie di clichè maschili, tatuaggi, moto, coltelli, pistole. Quando però Luke vede per la prima volta il figlio, capisce che niente nella sua vita dimostra il suo essere un uomo, che è tutto superficie, non ha una sua profondità».