Sei in Archivio

Economia

Promoshow, un modo nuovo per sconfiggere la crisi

04 aprile 2013, 21:54

Promoshow, un modo nuovo per sconfiggere la crisi

Vittorio Rotolo

Se la crisi determina una evidente contrazione dei volumi di vendita, per mantenere il proprio business le aziende (grandi o piccole che siano) possono far leva su uno strumento per certi versi ancora più efficace del classico taglio dei prezzi: l’attività promozionale. Che si traduce nelle forme più disparate di comunicazione: dalla distribuzione gratuita di oggetti rigorosamente personalizzati con logo o slogan alle campagne a premi.
Strategie di marketing che rispondono a due precisi obiettivi: veicolare sul mercato l’immagine del proprio brand e fidelizzare una forbice quanto più ampia possibile di clienti. Punto d’incontro ideale tra l’offerta di produttori e importatori e la domanda di distributori e agenzie specializzate è Promoshow, la due giorni inaugurata ieri alle Fiere di Parma. Un appuntamento che costituisce una sorta di anteprima rispetto all’edizione numero uno della kermesse internazionale che si terrà a gennaio 2014.
 Una quarantina gli espositori, ognuno dei quali pronto ad esaltare le specificità di un know-how che trova espressione in strumenti tecnologicamente avanzati o nella stessa originalità degli oggetti pensati per «catturare» l’interesse del consumatore. Penne e taccuini, cappellini, borse e magliette sono gli articoli più utilizzati nella regalistica aziendale, in occasione di particolari eventi o ricorrenze. Ma ci sono anche spille, cravatte, teli in spugna, eleganti confezioni di bevande ed alimenti, fino alle pratiche chiavette USB che riproducono fedelmente il prodotto che si intende pubblicizzare.
«Promoshow è figlia di una collaborazione avviata con le aziende che operano nel promozionale, desiderose di trovare una manifestazione fieristica alternativa a quella tradizionale di settore, che si svolge a Milano - spiega l’amministratore delegato di Fiere di Parma, Antonio Cellie -; una scelta, la nostra, per nulla casuale se consideriamo che, attraverso gli investimenti delle sue aziende più importanti, questo territorio ha sempre guardato con interesse all’attività promo-pubblicitaria, puntando ad esempio sull’oggettistica per collection. Siamo convinti che questo canale comunicativo possa rappresentare anche una concreta opportunità di sviluppo per il comparto agroalimentare».
Diverse le aziende parmigiane presenti: tra queste «World Promotions», con la sua consolidata esperienza nel supporto alle campagne pubblicitarie ed all’organizzazione di eventi; «Basi Achille Srl», che opera nel settore tessile producendo teli ed accappatoi in spugna per catene alberghiere e squadre di calcio; «Digigraph», specializzata in stampa digitale off-set, banner, grafica e soluzioni web. Caratteristica di Promoshow è tuttavia la capacità di andare oltre la normale dimensione espositiva proponendo, in una delle sue tre aree tematiche, un contatto diretto con i laboratori specializzati nella personalizzazione degli oggetti: dalla stampa digitale a quella serigrafica e tampografica, dal ricamo al termoadesivo. Tecniche di lavorazione eseguite dal vivo, legando tradizione ed innovazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA