Sei in Archivio

Parma

Revisioni auto: la spesa a Parma in Emilia

04 aprile 2013, 20:41

BOLOGNA – Nel 2012 gli automobilisti emiliano-romagnoli hanno speso 205,5 milioni di euro per eseguire le revisioni obbligatorie delle loro auto presso le officine private autorizzate. Questi dati derivano da elaborazioni su dati Istat e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti eseguite dall’Osservatorio Autopromotec.

La cifra comprende il pagamento della tariffa fissata per le revisioni per complessivi 69,3 milioni di euro ed il costo delle operazioni di manutenzione e riparazione necessarie per porre gli autoveicoli in grado di superare i controlli previsti, cioè la spesa per la cosiddetta attività di prerevisione, che ammonta a 136,2 milioni di euro.

E' Bologna la provincia dell’Emilia-Romagna che registra con 42,6 milioni di euro la spesa più alta per revisioni e prerevisioni eseguite nel 2012. Seguono Modena con 32,8 milioni di euro, Reggio Emilia con 24,2 milioni di euro, Parma con 19,9
milioni di euro, Ravenna con 19,5 milioni di euro, Forlì-Cesena con 18,9 milioni di euro, Ferrara con 17,6 milioni di euro, Rimini con 15,8 milioni di euro e Piacenza che con 14,2 milioni di euro chiude la graduatoria delle province emiliano-romagnole. Nel 2012 in tutta Italia gli automobilisti hanno speso 2,5
miliardi di euro per far revisionare le loro auto presso le officine private autorizzate, con un calo dello 0,9% rispetto al 2011. Il calo è però dovuto essenzialmente alla diminuzione degli autoveicoli revisionati che sono stati 13.046.564 contro i 13.403.836 del 2011. Il fatturato per le revisioni è una voce significativa per il settore dell’autoriparazione e, tra l'altro, non è influenzata dagli andamenti congiunturali come invece l’attività complessiva del settore che nel 2012, per la prima volta, pur superando il fatturato delle vendite di auto nuove, ha subito una forte contrazione (-10,5%) per effetto della crisi economica ed è sceso da 30,1 miliardi a 26,9
miliardi.